Questo sito contribuisce alla audience di

Senza Damato e la Fiorentina, l’Inter subisce una bella lezione. Guarda la NUOVA CLASSIFICA di Serie A

Solo quattro giorni dopo la vittoria di San Siro contro la Fiorentina ma senza Damato ad aiutarla, l’Inter cade 3-0 contro il Napoli. L’avvio della partita dei partenopei è travolgente e nei primi cinque minuti prima Zielinski e poi Hamsik fanno esplodere il San Paolo. Gli uomini di Pioli tentano di reagire, ma un super Reina nega per due volte la gioia del gol a Icardi: superato il pericolo, il Napoli si rimette a macinare occasioni e sfiora il gol in più di una occasione. Nella ripresa gli azzurri chiudono dopo sette minuti la partita grazie al gol di Insigne sugli sviluppi di un calcio d’angolo: i restanti trentotto minuti sono di pura accademia, utili solo a Reina e Handanovic per esaltarsi sui tentativi avversari. Nel finale c’è spazio anche per l’esordio di Rog, accolto con un boato dal San Paolo. Con questa vittoria il Napoli affianca a quota ventotto punti Lazio e Atalanta, a meno uno da Milan e Roma. L’Inter rimane a ventuno e la Fiorentina, vincendo contro il Palermo, ritornerebbe davanti ai nerazzurri in classifica.

Guarda la nuova CLASSIFICA di Serie A

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

23 commenti

  1. @Re leone

    ora capisco i tuoi 15 anni di nulla. Detto questo la Fiorentina a San Siro ha dominato in 10. La formazione l’ha fatta Sousa, si è pure rischiato di pareggiare. Incomprensibili SOLAMENTE i primi 20 minuti e un omino vestito di giallo in mezzo al campo chiamato Damato.

  2. @jerac

    squadra scesa in campo con la testa nello spogliatoio, altro che. Il resto sono chiacchere. Venti minuti dopo la formazione era esattamente la stessa ma dominava il campo fino all’inserimento da parte di chissà chi di Damato. Abbiamo giocato in 12 contro 10.

  3. Come al solito Dario difende il suo grigio allenatore portoghese contro i fatti…la formazione della viola contro l Inter poteva farla solo un incompetente così sbilanciata e senza filtro…e solo la fragilissima Inter di quest’anno poteva rimettere in gioco la viola e si è visto anche ieri a Napoli ieri che non è una squadra…consiglierei a Dario di fare un viaggio con Sousa dove possa consumare il suo amore e di non tornare più a FIRENZE

  4. Credo che i nostri difensori siano a livello di quelli dell Inter, che Vecino debba giocare in un 4-3-3 unico modulo per non andare sotto anche se l arbitraggio avuto e’ stato tale da richiedere la ripetizione della partita

  5. Quadrare tatticamente la Fiorentina sarebbe problematico per tutti. È l’annosa questione della coperta troppo corta.
    Dietro hai gente forte fisicamente ma proprio per questo lenta nell’uno contro uno.
    Quando puoi gestire palla, il problema nn sussiste, ti difendi con il possesso palla (come faceva Montella) ma purtroppo capita che, soprattutto all’inizio, gli avversari ti pressano come forsennati e capita di finire esposti a contropiedi che per la conformazione fisica dei nostri giocatori, sono devastanti.
    A Empoli all’inizio abbiamo tenuto botta al loro forcing (siamo anche stati bravi a spingerli sulle fasce e a nn concedere imbucate centrali) e siamo dilagati.
    Con Paok e Inter, abbiamo concesso gol, ma entrambe le partite, in condizioni normali, si potevano egualmente vincere.
    Sui 90 minuti, a Milano è stato sicuramente più decisivo Damato, che nn gli errori di mister e giocatori viola.

  6. Dario hai in modo di vedere il calcio un po’ troppo semplicistico. C’è un motivo preciso per cui la difesa ha sbandato paurosamente: è stata abbandonata al suo destino dal resto della squadra. Quando schieri quattro giocatore offensivi con Ilicic e Tello che danno poco e niente in fase di contenimento più Borja Valero in mediana, giocatore molto generoso nella corsa ma anche molto limitato nel difendere, è matematico che nascono seri problemi in difesa; magari non becchi sempre 3 gol in venti minuti ma comunque è chiaramente una formazione che un’allenatore dotato di un minimo di equilibrio non manderebbe in campo. Riguardo al secondo tempo è sembrato evidente a tutti che l’Inter, in questo momento molto fragile psicologicamente, dopo il secondo gol subito sia andata completamente in bambola terrorizzata dalla possibilità di pareggiare una partita già vinta, o forse pensi veramente che una Fiorentina già sbilanciata in partenza e con 9 uomini in campo più un cadavere (Tello) possa dominare le partite senza subire caterve di gol in contropiede

  7. Bastò con sta storia di Damato, … 60/70% della sconfitta viola è tutta di Sousa.

    Con la difesa che ha l’Inter (senza Medel poi è da retrocessione) dovevamo fargli noi 3 goal in 20 minuti!!!

  8. Dopo la partita di ieri dell’Inter cresce il nostro rammarico:era veramente battibile.

  9. Pioli non lo vorrei mai sulla nostra panchina.
    Però non sono uno che giudica un allenatore quando subentra.
    Piuttosto appoggio pienamente S69: per fortuna nostra l’Inter ha un sacco di problemi strutturali e di spogliatoio. Quindi ogni allenatore che passa di la sarà esposto a grandi figure di m****.

  10. La colpa maggiore per la sconfitta con l’Inter è di Sousa. Approccio sbagliato alla partita, formazione ridicola e cambi sbagliati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*