Questo sito contribuisce alla audience di

Silvia Berti a FN: “Serviva solo un passo avanti ma senza stadio i Della Valle non cedono. Gli addii di Sousa e Gonzalo? E’ sempre colpa degli altri…”

Responsabile dell’ufficio stampa della prima Fiorentina dei Della Valle ma anche grande tifosa viola, Silvia Berti ha parlato a Fiorentinanews.com del momento di caos assoluto intorno alla società viola, tra le polemiche e la divisione del tifo in seguito alle dichiarazioni dei due proprietari del club gigliato.

I Della Valle hanno parlato: quanto deve preoccupare il passo indietro annunciato da Andrea?
“Anche in passato Andrea ha fatto passi indietro, ma in questo caso credo che fosse più opportuno che il passo fosse in avanti. È adesso che la gente ha bisogno di voci autorevoli, e non delegate, che parlino di programmi e obiettivi. Per questo mi auguro che ci ripensi. In una Società seria, la parola che ha valore è quella della proprietà, ed è anche l’unica che interessa alla gente”.

C’è un vero motivo che ha portato la situazione a questo punto?
“Non seguo quotidianamente le vicende che riguardano la Fiorentina, posso esprimere la mia opinione da tifosa: il problema è soprattutto di comunicazione, tutto ciò che viene espresso ufficialmente risulta sempre un po’ antipatico. È per questo che la situazione, di anno in anno, è peggiorata. Sinceramente credo che ci sia un’incomprensione generale e le dichiarazioni di ieri non fanno altro che aggravare il divario tra club e tifosi”.

E’ un passo che prelude una cessione della Fiorentina?
“Non credo. Secondo me non presagisce una cessione della società. È una famiglia che non ama vendere (uno dei motti di famiglia è: “Io non vendo, compro”). Potrebbero farlo solo quando avranno le carte per realizzare lo stadio, allora la Fiorentina avrà un valore. Ma non lo faranno fintanto che non avranno la certezza di recuperare almeno quanto movimentato in questi quindici anni”.

Da parte dei tifosi Firenze-centrici c’è una sorta di complesso di superiorità che porta a sopravvalutare il contesto?
“No, Firenze ha realmente un valore supremo, è una delle 4-5 città più belle al mondo. All’origine dei problemi c’è il tipo di comunicazione con i tifosi: non si può parlare sempre di numeri, di bilanci, di rientri, di perdite ecc. Se la Fiorentina in C2 fa 17.000 abbonamenti, con una media di presenze allo stadio di 33.000 persone, ad ogni trasferta mai meno di 6.000 al seguito, con relativi problemi di “ordine pubblico” alla categoria, vuol dire che al fiorentino non gliene frega nulla di dove gioca la squadra, gli interessa solo la maglia. Perché il Fiorentino vuole sognare e sempre possibilmente in grande. Ma è anche intelligente, e sa fin dove spingere i sogni. Il fiorentino dalla Fiorentina vuole soprattutto la dignità di esserci, ma a testa alta”.

C’è un problema di atteggiamento da parte della società?
“Credo che in molte occasioni un’eccessiva sicurezza e una certa presunzione abbiano giocato in maniera negativa sia nei rapporti con i partner che con i tifosi. Troppo spesso si è parlato di “azienda calcio” dimenticandosi dei valori dello sport, dimenticandosi che si sta facendo sport. Non a caso i tifosi sono stati definiti ‘clienti'”.

Quanto pesa l’assenza fisica dei Della Valle da Firenze?
“Loro hanno un controllo totale, la storia della mancata presenza è un tormentone inutile: loro sanno tutto, ogni decisione che viene presa, arriva da loro. Sono responsabili di tutto”.

Il Napoli di De Laurentiis è il modello da seguire?
De Laurentiis arrivò in Serie A nel 2007, quindi dopo di noi. Il loro è un bacino d’utenza maggiore, ma hanno attuato una strategia decisamente migliore che ha portato risultati eccellenti. Non dimentichiamoci che essere stabilmente in Champions League garantisce introiti importanti. Ci sono stati tanti momenti in cui sarebbe stato possibile fare il salto di qualità. Ma non sono stati colti per quello che erano. Devo dire con una certa miopia o la presunzione di dire: siamo arrivati fin qui, con un po’ di fortuna arriveremo anche là. Purtroppo non funziona così. Ma soprattutto senza cuore, senza passione da comunicare a tutte le componenti non si può vincere nemmeno la coppa del nonno”.

Cosa ne pensa dell’atteggiamento di Sousa nella sua ultima conferenza stampa da allenatore della Fiorentina?
“Non conosco Sousa, ma scorgo una certa serialità di atteggiamento nel chi va via. Anche lui ha le sue colpe, ma sembra un costume ormai radicato che nessuno in questa Società dica ‘ho sbagliato in questo o in quello’. E’ sempre colpa di qualcun altro. A volte un po’ di autocritica aiuterebbe a rendere i rapporti più semplici. Comunque la rottura c’è stata lo scorso inverno (quando non venne preso il difensore tanto richiesto n.d.r.). Forse sarebbe stato meglio separarsi alla fine della scorsa stagione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

39 commenti

  1. Dimmi il tuo cognome e ti dirò chi sei. Io invece dico che il popolo fiorentino quello vero e con radici Fiorentine e che non porta cognomi riconducibili al sud e quindi Per natura Lamentoni, ha l’intelligenza per capire che:
    Quando corvino ci diceva che un quarto posto per noi è come uno scudetto perchè siamo settimi come entrate economiche. Aveva ragione.
    È assurdo essere ai quarti di una coppa Europea e ridicolarizzare I i nostri giocatori facendo gli Olè alla squadra avversaria nettamente superiore come il Siviglia per poi lamentarsi se Macia ed altri presenti a quella partita decidono di andarsene.
    Fischiare ed insultare un nostro giovane perchè sbaglia qualche partita all’inizio, vedi Neto, per poi infamarlo se non rinnova e và alla Juve.
    Offendere pesantemente una proprietà che pur facendo errori, è la proprietà che ha ci ha fatto stare fra le prime 4 squadre in Italia più di qualunque altro.
    E potrei continuare per molto ad elencare le bischerate fatte da questa categoria di lamentoni, che si definiscono Fiorentini puri, solo perchè nati a Firenze, ma con sangue tutt’altro che Fiorentino. Detto questo io sono nato a Firenze, ho l’abbonamento del mi babbo in casa del 1968 (anno dello scudetto). Abito ad Arezzo di cui sono orgoglioso e tifo viola da sempre. Oppure basta che uno di Caltanizetta prenda un appartamento a Firenze ci faccia un figlio e questi diventa subito Fiorentino DOC? Dimmi il cognome e ti dirò chi sei caro BIBI.

  2. Ciao Stefano, io sento parlare molto bene dei DV, principalmente dei procuratori.
    Io ti ho fatto dei nomi, te mi parli di baristi e di quelli che lavano i vetri.

  3. Ma nessuno si é mai chiesto perché volava in quei primi sei mesi? La Fiorentina funzionava ancora con gli schemi di Montella, unita ad una preparazione atletica molto leggera

  4. Se si tratta di passare un po’ di tempo divertendosi a fare polemica, ok. Ma cercare di difendere il comportamento dei patronni e compagnia sempre e comunque non è mettere la testa sotto terra, ma essere sepolti sotto dieci metri.

  5. Beh S69,tu hai citato tutte persone che sono andate via,che hanno voluto andare via,che sono stati cacciati etc…,mi sembra ovvio che dicano quelle cose. Se vuoi ti faccio l’elenco di tutti gli addetti ai lavori che pensano che i Dv siano una proprietà eccezionale,anche qui ci vorrebbero ore a scriverli tutti. Ah già,ma i nomi che hai fatto te sono personcine ammodo,mentre gli altri sono soltanto dei lecchini. Beh,io credo più al barista del bar Marisa che a tale Pallavicino,guarda un po’ te,e credo più al vecchio procuratore di Salah e anche a quello che lava i vetri al semaforo che non al nuovo squalo e procuratore di Salah che non perde occasione per spennacchiare la Viola,vedi un po’ come siamo diversi,questione di gusti.

  6. Siete i soliti tre o quattro…..la maggioranza tifa fiorentina .andate su tuttoyuve !!

  7. Taci coglionco taci, stai dove sei e taci, è domenica, fai le tue disquisizioni altrove, vai a farti un bel bagnetto nel quel che di Viareggio’s beach magari ci incontri anche buffon infingardo strisciato !

  8. Perché pensate che qualcun’altro oltre ai DV vorrebbe gli attuali??? Gnigni e Corvino finito di rovinare noi spariranno dal calcio

  9. Sì ch'io fui sesto tra cotanto senno

    @s69
    Per tentare di buttarla sul ridire …
    …” attenzione attenzione una macchina in contromano in autostrada ….UNA ? A ME SEMBRANO TUTTI IN CONTROMANO! ! “

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*