Questo sito contribuisce alla audience di

Simeone: “Ho scelto la Fiorentina grazie a Batistuta e sono rimasto incantato da Firenze. Io più cattivo di Chiesa ma lui non si ferma mai”

Volto nuovo d’eccezione del mercato estivo, Giovanni Simeone ha parlato al Corriere dello Sport-Stadio, per raccontare il suo primo mese in maglia viola e come iniziò la sua avventura: “Mi sono convinto (della Fiorentina, ndr) pensando a Batistuta, ma anche essendo consapevole che tanti argentini, qui, hanno fatto benissimo. Ed è per questo che io voglio continuare questa tradizione, perché significa lasciare una porta aperta ai connazionali che verranno. E’ bello sapere che c’è un pezzo di mondo che ama la terra da cui vieni. Fermo restando che qui è tutto bellissimo, ottimo pure il cibo. Visite in città? Sì, sono stato nella basilica di Santa Maria del Fiore, il Duomo di Firenze. Ho ammirato la Cupola del Brunelleschi ma sono solo all’inizio. Mi incanto davanti alle opere, è bello lasciarsi rapire dalla magia dell’ingegno. Mio padre Diego? Quando si parla di calcio, le questioni familiari passano in secondo piano. Ed io lo vedo come uno dei migliori allenatori al mondo. Messi via gli scarpini, uscito dallo spogliatoio, è semplicemente mio papà. E’ uno di quelli che se sbagli ti riporta sulla retta via, ma non dice mai cosa fare e cosa no. Più cattivo tra me e Chiesa? Io. Ma Federico quando vede la palla, vede solo quella… il topo col formaggio: gli corre dietro finché non l’ha presa (ride, ndr)”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*