Sono sempre Sousa lo stesso

Tutti quei discorsi fatti in estate intorno ad un Paulo Sousa che sembrava imbronciato, deluso e svogliato durante il ritiro di Moena, sembra ormai acqua passata. Da alcune settimane a questa parte l’allenatore della Fiorentina sembra aver ritrovato la verve e l’entusiasmo mostrati nella prima parte della scorsa stagione. Parole di incitamento alla squadra e di voglia di giocarsela vengono sempre proferite infatti in ogni sua intervista pubblica, e ultimamente sono arrivati numerosi messaggi d’attaccamento alla squadra, alla società e a Firenze, proprio come agli inizi della sua avventura in viola. Le ultime “bacchettate” nei confronti di Bernardeschi fanno anche capire quanto ci senta lui stesso nell’essere alla guida di una compagine come la Fiorentina, bisognosa di un leader che riesce a dare ordine e a far rispettare determinate gerarchie nello spogliatoio. Sousa quindi è davvero sempre lo stesso, come aveva anche sottolineato lo stesso portiere viola Tatarusanu in un’intervista pochi giorni fa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Mister, vinciamo stasera….. tutto il resto é storia

  2. Alla faccia degli psicologi da 4 soldi che infestano Firenze e gli intorni della Fiorentina. E sono soprattutto giornalisti, anche se per loro la definizione di psicologisti del negativo sarebbe più appropriata. Neppure guardano le partite ormai, guardano le espressioni di Sousa e dei giocatori, durante la partita, e pesano ogni singola sillaba pronunciata da allenatore e giocatori, dopo la partita, per loro ormai quello è il calcio. Sono al limute dell’idiozia, e sono tanti… speriamo che il loro tempo sia passato… speriamo…
    Per pesare le parole non servono gli psicologi, basta veramente poco, specialmente quando le parole sono molto chiare (leggi Sousa a Salonicco). Redazione

  3. Ha fatto bene Sosa a riprendere Berna
    dopo gli abbracci con Buffon e la convocazione in nazionale pensa troppo a se stesso e poco alla squadra
    Per non parlare di Lady Berna. Spero
    Che non si smarrisca

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*