Questo sito contribuisce alla audience di

Sos Gonzalo, in difficoltà dentro e fuori dal campo

L’avventura di Gonzalo Rodriguez con la maglia della Fiorentina sembra agli sgoccioli e dopo cinque anni l’argentino può andarsene da Firenze in cerca di un ultimo contratto importante. C’è da dire che il capitano viola sta dando ben pochi motivi ai tifosi per rimpiangere la sua partenza, dato che anche ieri contro l’Atalanta la sua prova non è stata positiva e in un’occasione è stato letteralmente bevuto da Petagna. La trattativa per il rinnovo del contratto sembra essersi arenata e nessuna delle due parti è intenzionata a fare un passo avanti: a queste condizioni l’addio di Gonzalo è praticamente certo, con buona pace di chi vorrebbe trattenerlo ancora sulle rive dell’Arno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Luigi 74..è ridicolo che Gonzalo sia nella top 11 ..segato..chiappella..rosetta..questi hanno fatto la storia della fiorentina

  2. Ieri è stato imbarazzante! Petagna l’ha messo sempre in difficoltà, facendogli fare spesso delle figuracce!

  3. Ricordo che è l unico giocatore dell attuale rosa votato nella TOP 11 della storia Viola, o siamo esagerati adesso a volerlo sbolognare o lo siamo stati solo pochi mesi fa a volerlo tra i difensori migliori di sempre accanto a Passarella e Ujfalusi…io lo terrei volentieri come BORJA a fare da chioccia ad un plotone di giovani di talento

  4. Ma togliergli la fascia da capitano nel frattempo?!?!?

  5. Sa gia che il prossimo anno non sara con noi lo stesso vale per badelj e per ilicic e babacar che sono stati messi sul mercato in estate ma senza acquirenti e per sousa che é stato trattenuto senza entusiasmo perche gia reduce del mercato di gennaio. Cosa pretendevano che davano l anima per una societa che li ha gia scaricati… Ennesimo errore di una societa allo sbaraglio

  6. La sua esperienza a Firenze è evidentemente STRAFINITA.
    Molto, molto deludente: dopo un campionato VERGOGNOSO chiedere un rinnovo alle stesse condizioni del passato è da sfacciati.
    Che vada pure…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*