SOS Kalinic

Kalinic Primo Piano

C’era una volta Kalinic, spietato bomber arrivato dall’Est Europa e che aveva affascinato tutti con le sue movenze ed il suo spietato killer instinct. Prolifico, tatticamente impeccabile ed impressionante nel rapporto primo tocco-gol. Poi, dalla tredicesima giornata, l’inizio del calo: da allora un solo gol in appena dieci giornate di campionato, troppo poco per chi, per buona parte dell’inizio della stagione, era stato lì ad insediare il trono del capocannoniere Higuain. L’ultimo urlo del croato è stato contro il Chievo, in quel secco 2-0 con il quale la Fiorentina ha passato le festività al secondo posto, a un solo punto dalla capolista Inter. Sembra passato un’eternità, ma in realtà in sei giornate il campionato si è completamente ribaltato e i viola sono terzi a meno 8 dal Napoli e a meno 6 dalla Juventus, con un punto di vantaggio sull’Inter: inoltre, la Fiorentina è passata dal secondo miglior attacco del campionato al quarto. Colpa di Kalinic? Anche. Il croato è calato di condizione, e questo ci può stare: il numero nove viola ha iniziato la stagione prestissimo (è arrivato a Firenze che il campionato ucraino era già iniziato) e non si è mai riposato, ad eccezione della pausa per le festività. E’ sempre stato un titolare inamovibile della Fiorentina, svolgendo un lavoro massacrante in attacco, spesso lasciato da solo tra le maglie dei difensori avversari. Dicevamo che non è solo colpa di Nikola: è calata tutta la Fiorentina e il gioco si è fatto meno fluido, così che i palloni giocabili per Kalinic sono stati sempre meno. Escluso Ilicic, a segno dieci volte in campionato ma quasi sempre su punizione/rigore, il croato si è dimostrato l’unico in grado di segnare in continuità. La sua crisi ha portato a quella della squadra ed è proprio per questo che la Fiorentina ha bisogno del miglior Kalinic per continuare a sognare in grande.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. Non si dipende da un solo giocatore. Tutti devono sentirsi responsabilizzati

  2. E’ il Napoli che ha 8 punti sulla Fiorentina e non la Juventus

  3. Tra il Dnipro e la fiorentina non si è mai fermato a fare sosta.E’ inevitabile che uno con la sua fisicità sia in flessione.Vorrei vedere Higuain cosa avrebbe fatto senza fare mai sosta x 1anno

  4. Concordo, con quello che spende è utile anche senza segnare un gol a partita.. Comunque un calo ci stava e l’essere andato in doppia cifra e in poco tempo è di x se un traguardo importante. E poi la viola ha kalinic e babacar quindi si puo’ gestire un eventuale calo di uno dei 2.
    Magari kalinic x una gara fa 30 minuti e non 90, altre volte entra babacar, basta che almeno uni dei 2 sia all’80 % e la viola in attacco e coperta, il problema a limite e capire se abbiamo chi puo’ sopperire ad una giornata no di ilicic o a un calo fisiologico suo e del resto della squadra ,
    Altro limite la mancanza di chi i fa star tranquillo se a gonzalo viene un raffreddore.
    Kalinic è una punta ma se rende nn si giudica solo dai gol, importante e che continui a contribuire o che lo faccia presto come prima gol o nn gol

  5. Sembra di parlare di una squadra terz ‘ultima in classifica .siamo veramente al ridicolo!

  6. Kalinic è il nostro primo difensore……….non segna ma il suo lo fa sempre! Ultimamente siamo ridiventati troppo macchinosi li davanti e lui è il primo che ci rimette……grande Kalinic comunque!

  7. Forse Kalinic non è brillantissimo come a inizio stagione, ma il suo lo fa sempre. Il problema è che il gioco della Fiorentina si basa su di un centrocampo che deve essere sempre al meglio, cosa che da diverse giornate non è. Non ci sono i ricambi giusti e quindi sia la difesa che l’attacco ne risentono…Kalinic ma anche Baba– soprattutto

  8. Sono 10 giornate che si batte come un leone ma di palle giocabili 0 e poi mom gli fanno fare l’attaccante ma il primo difensore.

  9. Passare al 4 3 3 : Tata Tomovic Gonzalo Astori Alonso; Borja Badelj (Tino) Vecino; Berna Kalinic Zarate. Con Tello per una delle due ali. Oppure 4 3 2 1 con Ilicic e
    Berna dietro a una punta. Comunque bisogna coprire di più la difesa e partire veloci in contropiede.

  10. La colpa non è di Kalinic o Babacar ma delle poche palle che arrivano. Higuain segna molto ma sbaglia anche 3-4 occasioni per partita!
    In ogni caso forza Fiorentina!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*