Sotto osservazione

Di Francesco

In caso di addio di Paulo Sousa alla panchina viola, il primo nome sulla lista dei dirigenti viola è quello di Eusebio Di Francesco, tecnico del Sassuolo che domenica affronterà la Fiorentina in trasferta. Due settimane fa era tornato al Franchi il passato viola, rappresentato da quel Vincenzo Montella che dopo tre anni a Firenze e un addio tormentato si è preso gli applausi del pubblico gigliato. Adesso è il turno del possibile futuro allenatore viola, anche se è bene ribadire che l’intenzione della Fiorentina è quella di continuare almeno per un’altra stagione con Paulo Sousa. Ma se il tecnico portoghese dovesse far capire di non volere rimanere per un’altra stagione sulle rive dell’Arno, l’obiettivo principale sarebbe proprio Di Francesco, autore del miracolo Sassuolo con una squadra basata sul 4-3-3 e una forte predominanza di italiani. Anche perché se non dovesse arrivare la chiamata della Fiorentina, Di Francesco sarebbe “costretto” a restare per un’altra stagione a Sassuolo, considerando anche l’investitura di Berlusconi nei confronti di Brocchi. Il Milan era, insieme alla Fiorentina, l’unico club in grado di offrire una panchina importante a Di Francesco, ma con l’esonero di Mihaljovic e la chiamata di Brocchi l’ipotesi rossonera è praticamente tramontata, a meno di disastri dell’ex centrocampista viola nelle ultime sei giornate di campionato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Io prenderei Gasperini del Genoa,sa far giocare la squadra e anche i giovani sconosciuti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*