Sousa all’attacco ma quanta sofferenza…

Paulo Sousa in primo piano. Foto: Activa Foto.

Una formazione prettamente offensiva quella scelta da Sousa per avere la meglio su un incerottato Palermo. Fiorentina che però non è riuscita a fare suo il match fino all’ultimo secondo quando Babacar di testa ha realizzato il cross di Zarate (per altro subentrato). Sousa aveva puntato su una Fiorentina completamente all’attacco per sovrastare e intimorire il Palermo ma i viola non ci sono riusciti e per poco non l’hanno pagata cara.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Ha con l’h mi scuso.

  2. Io più che all’attacco direi senza capo né coda. Con un centrocampo assurdo, perché hai Sanchez o al limite Cristoforo per giocare sulla mediana bassa e ci metti Valero che non è adatto, poi rimetti Berna a fare tutta la fascia dimostrando di non aver capito nulla. Insisti con Tello, pure lui a tutta fascia… a questo non gli manca che mettere Tata a centrocampo poi a completato le cavolate. Io proprio non mi spiego l’andata dell’anno scorso.

  3. Quale sarebbe la fiorentina tutta d’attacco? Solo perchè ha rimesso Babacar a fianco di Kalinic, che tra l’altro soffre molto la vicinanza diquesto? Più di una volta si sono pestati i piedi perdendo buone occasioni.
    La formazione è sempre la stessa, con un Tello da ricovero ai buon vecchi, che nonostante tutto il nostro allenatore incompetente seguita sempre a metterlo in squadra e con un Bernardeschi allontanato dalla porta a rifare l’ala tornante? Gli altri calciatori sembrava stessero in ferie. E’ roba che i palermitani davanti ci hanno fatto ballare la rumba. E meno male che l’incompetente ha fatto entrare la bonanima di Zarate, ma solo perchè non aveva nessun altro da mettere in quel ruolo, altrimenti la partita l’avremmo pareggiata contro una squadra raccattata all’ultimo momento. E sarebbe anche una vittoria da confortarci ? Fuoti questa specie di allenatore e subito.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*