Sousa: “Bernardeschi? Gli mancano un paio di condizioni per diventare ancora più incisivo…”

Il tecnico della Fiorentina, Paulo Sousa, si sofferma sulla prestazione della squadra e anche su quella di Federico Bernardeschi: “Una vittoria sofferta, ma molto buona per noi – ha detto Sousa – Bernardeschi? Gli manca di migliorare spalle alla porta e deve avere maggiore intensità. Al momento che lo farà diventerà ancora più incisivo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Come sempre sono d’accordo con IL DUBBIO..praticamente sono cose che ripeto da mesi..

  2. Ma qualcuno avrà il coraggio di chiedere a Sousa perchè mai Bernardeschi dovrebbe giocare spalle alla porta? Perchè per non voltarsi mai impiega l’inutile anzi dannoso Tello? Perchè insiste su Sanchez terzino quando servirebbe come il pane come centrocampista di destra a proteggere Tomovic visto che nè Tello nè Chiesa lo sanno fare? Spera forse che verso i 40 anni abbia imparato il ruolo soprattutto nei fuorigioco sui quali ci è già costato una marea di punti? E perchè insiste a schierare insieme i “lenti a contatto” (Valero-Badelj) quando ne dovrebbe giocare solo uno, secondo me Badelj molto più incontrista? La mia squadra è Tata, Tomovic, Gonzalo, Astori, Olivera, Sanchez, Badelj, Vecino, Chiesa, Kalinic, Bernardeschi in un 4-3-3 atipico che col ripiegamento di Chiesa e/o Bernardeschi può facilmente diventare più conservativo a seconda delle esigenze della gara.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*