Sousa: “Borja e Vecino possono giocare domani. Zarate crea tanto caos ma di quelli che regalano più gioia che tristezza”

Paulo Sousa, in sala stampa, riparte dalla condizione difficile di Kalinic: “E’ normale che ci sono dei momenti individuali che sono la conseguenza di momenti collettivi. Nelle difficoltà che abbiamo avuto a Roma, nei primi venti minuti magari avremmo segnato con Ilicic, se fossimo stati nel nostro momento di massima forma. Kalinic sta cercando di tornare al suo apice e poi sicuramente i gol arriveranno, insieme alla capacità di creare occasioni e gioco. Dobbiamo dare una mano a tutti i nostri attaccanti a fare gol, non dipendiamo comunque da un singolo calciatore, segnano in tanti. Questo è un vantaggio per noi perché coinvolgiamo tanti calciatori in attacco. Trecento vittorie possibili? L’augurio è di raggiungere questa cifra domani, con un risultato che poi cerchiamo sempre e che è la vittoria appunto. Borja-Vecino? Matias è rientrato un po’ più tardi perché era una questione muscolare, quella di Borja era articolare invece e dunque dipendeva dalla sua capacità di riuscire toccare il pallone. Entrambi si sono allenati senza grossi problemi e sono due possibilità per domani. Gestione di Zarate? Da esseri umani siamo animali con abitudini, per cambiarle vanno riproposte abitudini nuove con una certa insistenza e ripetitività. Nel calcio, e nella vita quotidiana, tante volte il talento viene mescolato con il caos: la capacità di raggiungere l’equilibrio tra caos e raziocinio può dare sfogo a qualcosa di speciale. Mauro propone tanto caos ma un caos che può generare tante emozioni, in grado di regalare più felicità che tristezza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. obiettivo vincere senza scuse!! facciamo giocare chi è pronto e affrontiamo la gara con concentrazione e grinta!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*