Sousa chiede la rivoluzione: Nessuno è davvero incedibile. Cosa risponderà la società?

Paulo Sousa in panchina. Foto: LF/Fiorentinanews.com
Paulo Sousa in panchina. Foto: LF/Fiorentinanews.com

Pochi giorni fa il patron della Fiorentina, Andrea Della Valle, ha detto di voler aprire un ciclo con Paulo Sousa in panchina. Il portoghese per restare chiede però una vera e propria rivoluzione nella squadra. Lo scrive il Corriere Fiorentino che parla anche di un tecnico ambizioso che vuol tenere il passo delle big per tutto il campionato e non solo per qualche mese come successo quest’anno. Qui c’è da capire quello che risponderà la società.

Quanto alla squadra, gli intoccabili resteranno Gonzalo e Borja Valero (entrambi però con un anno in più e sempre più bisognosi di rifiatare ogni tanto), più Kalinic, Astori e, almeno nelle intenzioni, Bernardeschi. Per giocatori importanti come Ilicic, Vecino, Alonso, Babacar, Mati Fernandez si ascolteranno proposte, mentre i vari Blaszczykowsky, Benalouane, Sepe e Tino Costa non saranno riscattati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

29 commenti

  1. Alessandro, Toscana

    Veramente il discorso a bischero lo hai fatto te, esonerare Sousa…mah!
    È possibile che se ne vada lui, semplicemente perché ha capito subito con che gente ha a che fare(dirigenza e proprietà) ed a parte i titolari non c’è una riserva che li possa sostituire con un minimo sindacale di valore. Se poi i titolari mollano mentalmente…. è finita.
    qui vogliono fare le nozze con i fichi secchi ma ormai il giochino è stato scoperto. I DV di calcio non ci capiscono nulla, hanno messo dirigenti che non ci capiscono nulla e gli unici che ne sanno sono i capri espiatori di turno (vedi Pradè).
    Gli allenatori non hanno mai voce in capitolo, ed appena provano ad alzare l’asticella …Bum …silurati…. prima Prandelli…poi Montella (anche se ci ha messo del suo) ora tocca a Sousa, vedrai…. ma gli incompetenti di calcio DV ed i loro dirigenti inutili restano…. vedi te…

  2. Non perdete tempo con Franco4: lui è uno schiavo leccapiedi galoppino portaborse nella vita.
    La copia attuale del Rag.Fantozzi.
    Tra l’altro non è neppure di Firenze.
    Quando parla sembra piu un calabrese.

  3. impossibile ambire a niente con questa proprietà,e badate bene non è un problema di investimenti che comunque sono importanti,ma semplicemente siamo gestiti ad AVANZATEMPO e nel calcio nessuno se lo può permettere.prendete ad esempio la juventus :con Blanc e Cobolli hanno fatto ridere il calcio e sperperato capitali,appena inserito gente di calcio e rimesso al timone un Agnelli hanno cambiato musica,anche Delaurentis lo ha capito e infatti segue tutto da solo per capirci con Cognigni esecutivo il Napoli sarebbe decimo.

  4. Maurizio FIRENZE

    povero alessandro toscana se io ho 10 anni te ne hai massimo 4…se no eri gia ricoverato a careggi in psichiatria aggravata…i soliti discorsi a bischero..rispondi sull argomento ..se no chetati….brodo..

  5. Alessandro, Toscana

    Povero Maurizio… probabile abbia 10 anni o meno e lo spero x lui, perché se è più grande vuoi dire che ha seri problemi mentali…..

  6. Tutti i tifosi viola, come Franco4, sono grati ai DV non solo per il 2002, ma anche per tanto altro, compreso quello di aver tentato di alzare il tiro con M. Gomez e G. Rossi. Com’è andata a finire non è colpa dei DV, di sicuro. Quello che invece in molti ci domandiamo è diverso, cioè, perchè dopo 14 anni nei quali non si è vinto nulla, nemmeno una coppetta italia, si continua nell’ atarassia, cioè in uno stato intermedio in cui ci va bene così, senza vincere ma nemmeno navigare nelle ultime posizioni, senza spendere e spandere, cambiando ogni poco allenatore e affibbiando a lui le colpe di insuccessi preventivabili ? Di che cosa se ne fanno, la famiglia Della Valle abituata a vincere o a lottare per vincere, di una Fiorentina così e di tifosi che, poco alla volta, uno per uno si stanno girando contro la Proprietà ? Al di là dell’immagine di Firenze, che hanno già abbondantemente sfruttato, cosa li fa continuare ad ” investicchiare” nella Fiorentina sapendo già che solo un miracolo può farci vincere qualcosa e, nel caso, questo miracolo non sarebbe nemmeno visto bene in Società, vedi parle di Cognigni sulla CL ? Perchè non cercano veramente di vendere la squadra e, con la plusvalenza ricavata, si buttano nel basket, sport che DV, nel 2002, disse di preferire al calcio ?

  7. Sintesi perfetta, ok che siamo guelfi e ghibellini ma ai leccavalliani chiedo se sognare e’ così grave e disonorevole. A Gennaio la verità è venuta fuori, se non hanno fatto investimenti con quella classifica non li faranno mai più. Poi, per carità, tengono i conti in ordine e ci piazzano in classifica onorevolmente, ma vorrei anche sognare e avere più competenza e fiorentinita’ in Società, più Antognoni e meno Rogg e Gnignini vari.

  8. La risposta della Società sarà semplice : se il bilancio tra chi si vende ( chiunque sia) e chi si acquista è in pari o in leggero debito, allora la rivoluzione di Sousa si può anche fare. Se, invece, la richiesta è che don Diego debba tirare fuori i soldoni….Sousa è bene che se ne scordi subito e si cerchi un’altra squadra che almeno voglia provare a vincere.

  9. Franco4 per carità massima riconoscenza per il 2002 posso capire che è dura stare insieme a strisciate e metropoli centrosud ma se non investì 20 milioni a dicembre quando sei secondo a 1 punto da inter e davanti a juve e Roma quando lo farai mai? Significa che non proverai mai a vincere poi se ci vogliamo accontentare della europa league ma il tifoso vive anche di sogni

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*