Sousa: “Contro il Basilea non sono stato bravo a farmi capire dai miei. Rossi può giocare ovunque ma gli servono i suoi tempi”

Sousa Barcellona 3

Paulo Sousa prosegue parlando del suo sistema ancora in via di affermazione: “Ho un’idea ed una convinzione per cui voglio giocatori in grado di percepire tute le fasi di gioco, la fase difensiva parte il prima possibile con il pressing per riconquistare il possesso, perché è il miglior modo di difendersi. Noi prendiamo decisioni dopo aver analizzato i singoli calciatori, il nostro processo ha tante variabili, ha un inizio ma non ha mai una fine. Noi dobbiamo essere bravi a rimanere fiduciosi e creare un equilibrio con tutte le componenti esterni, compresi voi media con la vostra critica costruttiva. Non dobbiamo compiere l’errore di farci condizionare e cambiare il lavoro intrapreso. Non esiste mai la perfezione, avere già la predisposizione mentale di capire subito dall’inizio che non è ma i sufficiente quello che si è fatto ci dà la possibilità di compiere qualche step in più. Cosa non è andato col Basilea? Ne abbiamo parlato con il gruppo, il gol subito ci ha fatto abbassare il baricentro e non è quello che voglio vedere dai miei ragazzi. A me piace saper difendere con tutti i reparti, recuperando la palla velocemente. Noi cerchiamo di studiare una strategia per arrivare a pressare e stare in campo in un certo modo. Forse non sono stato bravo io a far capire ai ragazzi quello che era il sistema migliore per affrontare il Basilea; l’umidità c’era anche per loro. Impiego e posizione Rossi? Se guardate i movimenti di Giuseppe, con il nostro possesso, non era a sinistra. Quando è stato lì era a causa di una transizione difensiva per cui avevamo bisogno di lui da quella parte. Contro il Genoa però raramente abbiamo affrontato una transizione difensiva per cui raramente è stato sulla fascia. Credo che sia un giocatore intelligente, che percepisce avversari, compagni, pallone, possa giocare dovunque e con chiunque. Lui è sicuramente pronto però due anni senza giocare vogliono dire tanto, ha bisogno dei suoi tempi e spazi. I tempi della sua riabilitazione sono fondamentali e li rispettiamo affinché possiamo averlo con una certa continuità per tutta la stagione”.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. L’idea di gioco a parole è giusta. Pressing grinta intensità in tutte le fasi. Sarà bene applicarla anche in campo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*