Questo sito contribuisce alla audience di

Sousa, Corvino, Fiorentina: Frecciate, pesci d’aprile e polemiche

La vigilia di Fiorentina-Bologna è vissuta sulle parole dette da Paulo Sousa che aveva dichiarato: “Corvino mi ha offerto il rinnovo del contratto due volte”. Un pesce d’aprile che sa di frecciata all’indirizzo della società (l’ennesima tra l’altro), in risposta all’incontro con Di Francesco e a tutte le indiscrezioni lasciate trapelare sull’arrivo di un nuovo tecnico, quello fatto dall’allenatore (forse ispirato dal nostro della mattina) che però ha lasciato strascichi. Corvino, commentando le sue parole ha specificato: “Le parole di Sousa? Ieri era il primo aprile”. E poi ancora polemiche del portoghese, sempre più irrequieto, che parla di mancanza di onestà in sala stampa, senza specificare però se ce l’avesse con tutti o con qualcuno, e senza specificare in quale episodio, o quali episodi, lo abbiano portato a maturare questo giudizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 commenti

  1. Mah!!! Tutti questi soloni a spiegarci che il Lusitano mister prepara le partite con i giocatori non impegnati con le nazionali e che quindi , ci spiegano ,gli preferisce a scapito dei viaggiatori !! Ma scusate Saponara è stato impegnato con qualche rappresentativa? E Ilicic? Dite di no?e allora ecco spiegato l’arcano, beati voi tifosi che ancora credete nella buona fede del mangia baccalà

  2. difficilmente la fiore anzi i DV possono spendere come le strisciate, roma e napoli, ecco perché l’allenatore è determinante – va dato atto ai DV di aver fatto ottime scelte (anche nei cambi nelle categorie più basse) ed ha sbagliato solo con sinisa e delio rossi – però, se si prende un mister che faccia del gioco il valore aggiunto, è normale che si vada incontro a qualche scelta integralista – dalla vicenda montella 2015 (squadra eccezionale ma senza un 2 ed un 9) fu coperto il 9, ma clamorosamente non il 2, ed inoltre mancavano le riserve del 4 e del 5 – presi quest’anno tali alternative (Sanchez Salcedo cristoforo demaio) abbiamo ribucato il 2 (roba da matti) , ci siamo arrangiati col 3 (ma olivera può migliorare) mentre una formazione che abbia aspettative deve avere almeno una possiblità di giocare a 4 con un terzino d’attacco (carnasciali torricelli) – non comprandolo, hai creato i presupposti per sfiancare berna anno, e cheisa ora,senza contare che sottoponi tello a figure che non merita – tello mi ricorda massaro, arrivò da attaccante, venen arretrato a tornante e quasi a terzino, poi mezz’ala e a metà 1985-86 agroppi lo riporta seconda punta al posto di iorio – i gol sbagliati (nel 1982 1 solo gol!) dientano gol fatti, e massaro da punta vince scudetti e va in nazionale – non vendiamo tello, ce ne pentiremo – prendiamo un allenatore che ami il bel gioco, ma per favore diamogli un terzino decente

  3. Concordo con Alberto, Sousa poteva dimettersi o “proteggersi” semplicemente dichiarando con chiarezza il valore di questa rosa. Nn è imbecille, lo sa benissimo che questa è la classifica che vale questo gruppo.
    A quel punto, se la società gli contestava l’obbiettivo, lo doveva mandare via subito, oppure, tenendolo, accettava implicitamente ciò che diceva il proprio mister e si assumeva la responsabilità.
    La chiarezza è nemica di tutte le polemiche, sulla società è inutile sperare, ma almeno lui avrebbe potuto essere chiaro.
    Sui giornalisti, quelli che hanno fatto la fronda a lui, sono gli stessi che portarono all’antonamento di Mondonico. Anche mister Emiliano soleva prenderli bellamente per i fondelli …. gliela fecero pagare.
    Forse il vero ciclo finito e quello dei “bisonti” da sala stampa, li più che nella squadra servirebbe un bel ricambio generazionale.

  4. Albertoviolaclubroma

    Ma invece di fare tutte ste battute e pesci d’ aprile perché a fine mercato di agosto scorso non ha dato le dimissioni? Avrebbe scaricato tutte le colpe su corvino e sulla società. Però lo stipendio….!!!

  5. Sousa ha ragione, viene attaccato continuamente da stampa e critica locali con ciò creando grossi problemi alla squadra. Che strano, l’operato di Sousa (ha fatto benissimo con ciò che aveva a disposizione e con ciò che si è dovuto creare) viene apprezzato dalla stampa nemica!!! Firenze (società, stampa e certa tifoseria) non merita un personaggio bravo, corretto, onesto e vincente come Sousa così come non meritava Montella e Prandelli che hanno fatto la stessa fine: la fine preferita dalla società, quella dell’addio traumatico. IL PESCE PUZZA SEMPRE DALLA TESTA!!!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*