Sousa: “Credo tantissimo al progetto viola. Meritavamo di avere più punti”

Paulo Sousa in primo piano. Foto: Activa Foto.

L’allenatore della Fiorentina, Paulo Sousa, ha detto a Mediaset Premium: “Se credo ancora nel progetto viola? Ci Credo tantissimo perché nel momento in cui non dovessi credere nel progetto e nei miei ragazzi sarei il primo ad alzare la mano perché non saprei dare stimoli alla mia squadra. Sarebbe impossibile farlo. Le mie parole di ieri interpretate come una resa? Io amo questo mestiere, cerco di avere rispetto per i giornalisti e per il vostro lavoro, cercando di rispondere sempre alle domande ma visto che hanno estrapolato le mie parole, dette in un contesto diverso, devo rivedere questo rispetto. Se dovessimo vincere con il Genoa saliremmo a 19 punti? Io credo che in questo inizio di campionato avremmo meritato qualche punto in più, siamo stati penalizzati da alcuni dettagli: con qualche punto in più i ragazzi sarebbero ancora più convinti in quello che stiamo facendo ma stiamo arrivando a consolidare la nostra qualità che ci possa permettere di vincere le partite. I ragazzi comunque stanno crescendo tantissimo, soprattutto a livello caratteriale e di intensità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

9 commenti

  1. Quale progetto?
    Sousa ce lo dica lei…

  2. Ci crede, bene così. Da adesso lavorare senza più scuse. Pensare a vincere perché le possibilità ci sono tutte. La fiducia e la convinzione non possono mai mancare. Domande su mercato e cose simili evitiamole per non creare alibi inesistenti.

  3. Vorrei domandare una cosa sola sia a Sousa ( che lo deve dire per forza vista la sua posizione) che agli altri : quale sarebbe il progetto ? Che Sousa creda nei ragazzi e che li stimoli a me personalmente sembra scontato. Ma se ora parla di progetto significa che qualcuno a lui, almeno, ha detto qualcosa. Ma a noi ? Se il progetto è l’autofinanziamento, allora lo conosciamo anche noi, ma se, per caso, fosse un altro, non ne sappiamo nulla. Da anni. Oppure no, il progetto è sempre stato chiaro : fare lo Stadio o Cittadella e poi vendere tutto e realizzare una bella plusvalenza. In tasca ai tifosi, alla città e a tutti gli allenatori che volevano una squadra più forte.

  4. Alessandro, Toscana

    Bravo Bored, per una volta sono pienamente d’accordo con te, è ovvio che ci sono “problemi” tra obiettivi societari e “comparto sportivo”(leggi differenze, la squadra vorrebbe vincere, la proprietà no!), ma Sousa (basta vederlo in campo ad ogni partita) si danna l’anima a stimolare e spingere i giocatori, soprattutto alcuni, e questo significa che. al netto dei suoi errori, ci tiene e ci crede nei giocatori, anche a costo di tenerli in campo pure se quel giorno non sono al massimo!
    Chi lo vuole esonerare è un Gobbo leccavalle!
    Ancora Bravo Bored

  5. Oggi più che mai ho capito che Sousa non sa leggere le partite. ….Bologna sbilanciato ….e lui tiene Ililic che camina in campo e non fa entrare Zarate. ……..ma

  6. Lucabilly1963 da Atene Grecia. Brutti un corno. Ieri sera ,specie nel primo tempo, siamo stati bellissimi, più belli di Cagliari.

  7. lucabilly1963, da Atene, Grecia

    Brutti, ma vittoriosi. Conta questo e levarsi prima possibile dal pantano delle ultime 10. Per il resto si vedra` dopo le Feste.

  8. Le partite le si bisogna comunque vincere…. SFV

  9. Ha straragione cara redazione. Io ieri lo facevo rilevare che l’interpretazione data da quasi tutti i giornalisti presenti era sballata . Voi l’avete costretto a parlare in modo diverso da quello solito andando sempre a lescare nel torbido. Io credo che la sua insoddisfazione è simile alla mia . Interpretate sempre a senso unico. Contrario al contesto. Se per caso riuscissimo a vincere a Genova saremmo a 1 punto dal Napoli, domani vedremo quanti dalle altre.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*