Sousa: “E’ il momento più duro per me a Firenze. Saponara? E’ più che pronto…” (ma Bernardeschi non ci sarà)

Sousa dà indicazioni ai suoi. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

In conclusione Paulo Sousa affronta anche il tema Torino per poi tornare su alcuni singoli viola: “Hanno un blocco difensivo basso e intenso, in più ottime qualità davanti. E’ una squadra che fa tanti gol per le capacità che hanno gli attaccanti. Come stiamo? Milic si sta allenando da due giorni con la maschera ed è disponibile (ma mancherà Bernardeschi, come annunciato dall’ufficio stampa ndr). Per quanto mi riguarda sto capendo sempre di più come funziona la piazza ed è senza dubbio il momento più difficile da quando sono qui. Saponara in tribuna? Si sta allenando al 100%, il problema che aveva prima di firmare con noi l’ha superato, per cui è stata una decisione legata al numero di ragazzi da portare in panchina e a quanto pensavamo fosse meglio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

13 commenti

  1. I vivi devono stare coi vivi, e i morti con i morti. Paulo Sousa è morto giovedì, ucciso dal Borussia. Non può parlare, nè allenare, è morto. Corvino stesso non sta molto bene, la salute lo sta ababndonando, è già morto nel cuore degli amici, e sta prendendo una china assai pericolosa, che può condurre solo all’inevitabile trapasso. Inoltre, riuscendo a far esprimere il morto Sousa, è palesemente un adepto della necromanzia. La necromanzia è il primo passo verso l’Inferno e inevitabilmente verso il trapasso. Corvino ha scelto di che morte morire, vuole morire da necromante, il maresciallo capo negromante Corvino… morto della strizza dei marescialli e fracassato come vaso di coccio subalterno e servile a perdere… pace all’anima sua…

  2. Calma ragazzi, tanto per che si gioca?
    Ora rilassiamoci per sei mesoni, che la nostra parte di fegato marcio l’abbiamo sputata anche quest’anno.
    E’ come dopo che uno è stato male ed ha vomitato. Il peggio è passato. Ora piano piano ci si ripiglia.
    L’importante è fare piazza pulita di questa marmaglia: dai Dv in giù…

  3. facciamo giocare gente rapida e fresca!! basta con gente senza attributi!! e facciamo giocare la gente nei ruoli giusti!! basta superficialità e presunzione!! basta con la storia della mancanza di motivazioni!! basta scuse per le assenze!! domani non esistono gemellaggi, bisogna vincere per orgoglio, classifica e professionalità!! dimostrate di averne!! dimostrate rispetto per la maglia e per il vostro lavoro!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*