Sousa e il primo ciclo di ferro. Il portoghese misura il gruppo

Sousa in piedi

Sousa in piedi

Con sabato la Fiorentina un ciclo di ferro che la porterà a giocare 7 partite in meno di un mese. In questo periodo i viola faranno anche il loro esordio in Europa League affrontando prima il Basilea e poi il Belenenses in trasferta. In campionato invece la Fiorentina incontrerà nell’ordine: Genoa, Carpi, Bologna, Inter e Atalanta. Sarà il primo ciclo di ferro per Paulo Sousa che dopo i complimenti dell’estate deve dare continuità alla squadra e soprattutto alla prima con il Genoa cancellare la brutta sconfitta contro il Torino che ha lasciato tutti un po’ scottati. Iniziano dunque gli esami per la Fiorentina di Sousa, è tempo di vedere i viola nelle gare che contano e il primo ciclo di ferro che terminerà con la sosta nei primi di ottobre, sarà fondamentale per capire dove può arrivare questa squadra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Temo sia stato un suicidio non tenere almeno Basanta (o prendere qualcuno che ritenevano migliore di lui se l’argentino non piaceva) come vice Gonzalo,
    Far sprecare energie a gonzalo in certe gare lo paghi, gonzalo e borja e dopo un anno e mezzo sono calati e che nn hanno un attimo di sosta e non ha senso dire che savic è scarso o criticare Borja dicendo che g uadagna tanto (prendeva quasi come mounir che nn giocava mai mentre lui lo fa sempre)perchè la fiorentina non si puo’ permettere di fare recuperare un infortunio ai giocatori o farli rifiatare .

    Di 7 partite Gonzalo ne dovrà fare almeno 6 sprecando energie anche con avversarie inferiori e rischiando qualche giallo etc.

    Ps: basanta pagato 3 mln e perso dandolo in prestito(ovvero si perderà a 0 come cassani) nel mentre co stavano difensori come Paletta ma sopratutto Munoz che erano giocatori buoni x la serie A , al livello di astori o meglio mossi a 0….
    Anche molto + giovani di mexes e meni criminali.

  2. Pensare solo al genoa e a vincere.

  3. Un quotidiano riporta che dovremo giocare 22 partite in 3 mesi (una ogni quattro giorni), 24 per chi è impegnato con le nazionali…siamo sicuri che gennaio non sarà troppo lontano per metterci una toppa?

  4. Sousa ha bisogno di tempo per conoscere a fondo il materiale di cui dispone e amalgamarlo. Deve crescere anche lui perché la serie A non è il campionato svizzero.
    Mai più sterile melina come a Torino e cambi a centrocampo

  5. Suvvia, Redazione, definire “ciclo di ferro” Basilea in casa, Belenenses in trasferta e in campionato Genoa, Carpi, Bologna, Inter e Atalanta mi sembra un po’ esagerato. Capisco (e gli scongiuri sono inevitabili) che ciascuna di queste partite presenterà le sue insidie, ma, Inter a parte, se cominciamo a farci “tremar le vene e i polsi” e a dire a Sousa “qui si parrà la tua nobilitade”, di fronte a impegni di ordinaria amministrazione, che cosa scriverete quando affronteremo le grandi?

  6. Speriamo di non ritrovarci cotti alla quarta partita visto la panca corta perché poi inizierebbe l’attacco a sousa che inizia a reclamare rinforzi. Ma lo sapete che baselli di ingaggio prende quanto verdu e la metà di badelj?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*