Sousa e il rientro dalle soste. Due precedenti che fanno ben sperare

Sousa Barcellona

Tradizionalmente le parole Fiorentina e sosta non vanno molto d’accordo. Quando i viola interrompono il loro cammino a causa delle soste per le Nazionali il rientro è, molte volte, traumatico. Per non parlare del ritorno in campo dopo la pausa natalizia. Con Sousa però qualcosa sembra essere cambiato, in maniera particolare sul piano del gioco. La Fiorentina si appresta a tornare in campo per la terza volta dopo i pit stop per le Nazionali; in questo campionato i precedenti momenti di riposo si sono presentati a fine agosto e a metà ottobre. In entrambi i casi i viola, al rientro, hanno giocato match postivi sul piano del gioco, diversi su quello dei risultati. Contro il Genoa tutto filò liscio e Babacar regalò a Sousa i tre punti mentre al San Paolo contro il Napoli i viola uscirono sconfitti giocando un match importante sul piano temperamentale. Dunque al rientro dalle soste i giocatori gigliati non hanno, fin qui, mai sbagliato l’approccio. Due precedenti che fanno ben sperare in vista della gara di domani; una sfida insidiosa visto il buon gioco che sta dimostrando la squadra di Giampaolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA