Sousa e le clausole che fanno storcere il naso: dopo Kalinic anche Bernardeschi

Gli applausi di Bernardeschi all'uscita dal campo. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

L’estratto più interessante, forse l’unico, della conferenza di ieri di Paulo Sousa è stato quello relativo alla possibile clausola da inserire sul contratto di Bernardeschi: la Fiorentina vuole blindare il suo numero dieci e si parla in tal senso anche di una possibile clausola rescissoria. Il tecnico portoghese si è sbilanciato, un po’ a sorpresa essendo argomento extra campo, e dato la sua personale visione: clausola equivale a indirizzamento di vendita. Come sottolinea la Gazzetta dello Sport per altro, questo ragionamento riconduce anche a quanto Sousa abbia potuto pensare della clausola inserita nel contratto di Kalinic: un altro fronte che potenzialmente può aver infastidito il tecnico, così legato all’attaccante croato da farlo temere fortemente in un addio anticipato, colpa proprio della clausola rescissoria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Fabio Sousa e’ stato messo volutamente nelle condizioni di non poter lavorare come lui avrebbe voluto e di far crescere la Fiorentina e invece tutte le colpe sui risultati negativi sono ricaduti soprattutto su di lui … Se ne andra’ avendo salvaguardato almeno la sua onesta morale che lo ha portato sempre a dire come stanno veramente le cose li dentro ..non se ne e’ andato prima perché lui ha sempre detto di lavorare al massimo delle forze e del professionismo con cio che passava il convento visto che non era messo nelle condizioni di poter decidere sul mercato … GIUSTISSIMO … ERANO GLI ALTRI CHE LO AVREBBERO DOVUTO MANDARE VIA .. SE NON LO HANNO FATTO E’ PERCHE’ PAGARE DUE ALLENATORI ERA SCONVENIENTE PIU’ DEGLI INTERESSI DELLA SQUADRA E PERCHE’ SAPEVANO CHE NESSUNO AVREBBE POTUTO FARE MEGLIO DI LUI

  2. sousa ha ragione su questo ma certe cose le dica negli uffici e non pubblicamente!! sousa e squadra testa al campo che oggi bisogna vincere senza discussioni!!

  3. La clausola serve per vendere meglio un giocatore. La responsabilità principale è della società che altrimenti non inserirebbe clausole la dove non volesse venderlo. Poi è chiaro che se un giocatore vuole cambiare maglia lo fa anche per pochi spiccioli.

  4. Con la clausola la società responsabilizza il giocatore che decide…di conseguenza la piazza andrà contro il giocatore eventualmente…società di vigliacchi…forza viola solo la maglia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*