Sousa e l’esigenza di un centrocampo diverso

Borja Valero Cagliari

Borja Valero Cagliari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il modulo di riferimento di Paulo Sousa è il 4-1-4-1 che ovviamente, in fase offensiva, si trasforma in 4-3-3. Pizarro se ne andrà quasi certamente, e quindi la Fiorentina deve andare a prendere un grande mediano. Uno con piedi e cervello, che sappia organizzare la manovra, ma capace anche di garantire un po’ di filtro. Un giocatore completo. Forte. E’ lì, che verrà fatto il maggiore investimento. Anche perché il tecnico portoghese vuole più muscoli, rispetto a Montella. Molto spesso infatti sceglierà anche il 4-2-3-1, e per farlo servono mediani con caratteristiche completamente diverse rispetto a quelle di chi c’è già. Gente come Borja Valero o Mati Fernandez, tanto per esser chiari, andrebbe in grande difficoltà con quel tipo di soluzione tattica. Almeno in teoria, secondo quanto scrive Repubblica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Per cortesia Pradè, al torino, vedi se ti riesce di “barattare” Vecino con i due piu forti; Darmian e Bruno Peres…poi eventualmente si può aspettare De Silvestri(tanto noi siamo maestri dell’attesa….)

  2. Se avessero avuto a fianco gente che corre (e coi piedi buoni) invece del pensionato Pek, Aquilani, Badelj, Kurtic pippero, Andow, Ambrosini, Sissokò, Rosi Pippero ecc, sia Borja che Mati, ma anche Aquilani avrebbero reso molto di più. Mancando giocatori fisici e bravi, i tenori son costretti a far anche gli interditori lo fanno male e si sfiancano. E’ come chiedere a Pirlo o Antognoni di fare i cursori, dopo 20 minuti son cotti, annebbiati e sbaglierebbero tutti i passaggi.

  3. Magari mandassero via il turista spagnolo, il pelato e’ il danno della fiorentina lui e chi gli ha fatto un contratto a certe cifre per 5 anni, roba da dilettanti, per giocare a calcio ci vuole gente con i …… e con grinta non morti viventi come il pippero.

  4. Mhaaa…visto che Pek, Aquilani, Kurtic e Lazzari partiranno restan solo Borja Mati e Badelj. Serve gente coi muscoli? Li voleva anche Montella ma il vice Pek e gli incontristi (bravi) non son mai arrivati in compenso s’è preso Migliaccio, Sissokò, Kurtic, Andow, Ambrosini ecc, che han fatto+panca e tribuna che campo quindi dov’è la novità? L’errore di Montella è non aver tenuto Piccini, De Silvestri o Romulo x far giocar Tomovic terzino. Certo se si riparte con Inler c’è poco da star allegri.

  5. I Professori non mancano mai

  6. Repubblica stamattina continua con le sue genialate parlando di giocatori di fascia.
    Richard : – non si e’ perso come giocatore ; e’ lui quasi ex calciatore che a Firenze non ha convinto.
    Tomovic : – non e’ MAI stato un difensore laterale; inutile insistere in quel ruolo perché’ e’ un normalissimo centrale di scarso valore.
    Zappacosta : – non e’ un terzino dx,non conosce la fase difensiva,spinge solo in avanti,le diagonali per lui sono algebra.
    Sabelli : – unico difensore laterale dx del gruppo,viene dalla scuola romanista,sa fare la fase difensiva e offensiva,Ottimo.
    De Silvestri : – se Conte lo chiama in nazionale una gran fava non deve essere,Siamo forse difficili noi?Ora si e’ fatto male…..

  7. Certo che se per partire con un nuovo centrocampo si parte con UInler si parte male……….

  8. Quello che scrive Repubblica e’ tutto da provare specie se non e’ farina del sacco di Ferrara ,unico giornalista degno di tale nome di quel giornale ,che nel pool sportivo ,vede tutti ruffianini e lecca attributi a volte presi da sindrome di onnipotenza che li rende ancor più’ ridicoli.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*