Sousa e quel centrocampo dalla coperta lunga

image

A Firenze quello della coperta è stato, negli ultimi anni, un argomento su cui è sempre stato piuttosto facile ironizzare: la difesa della Fiorentina, infatti, è sempre stata piuttosto rimaneggiata e i giocatori a disposizione di Montella prima e di Sousa poi sono sempre stati pochi. Il picco si è toccato nel gennaio scorso, con l’acquisto di Benalouane che doveva rendere la coperta difensiva più lunga ma che alla fine si è rivelato un flop assoluto. C’è un reparto, però, in questa stagione in cui Paulo Sousa può scegliere quasi ad occhi chiusi: parliamo del centrocampo, di quella coppia di mediani che fa partire il gioco della Fiorentina. Il tecnico portoghese ha a disposizione Badelj, Vecino, Sanchez e Cristoforo: in partenza i titolari dovevano essere i primi due, ma complice anche l’infortunio dell’ex Empoli le gerarchie si sono ribaltate e Sanchez si è conquistato a furor di popolo la maglia da titolare. E adesso per Paulo Sousa arriva il bello, o il brutto, dell’avere un reparto formato da tanti ottimi giocatori: complice il rientro di Vecino, il portoghese dovrà scegliere partita dopo partita i due titolari, con la consapevolezza che Cristoforo al momento non è al livello degli altri tre. L’ex Siviglia, almeno per ora, dovrà sfruttare le possibilità che gli concederà Sousa in Europa League per cercare di metterlo il più possibile in difficoltà. Senza dimenticarsi di un Borja Valero che, in caso di emergenza, potrebbe ricoprire anche quel ruolo. Quattro giocatori per due posti, il tecnico gigliato può finalmente contare su un reparto dalla coperta lunga…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Mi piacerebbe vedere un centrocampo a 3 con badelj centrale, Vecino e Sanchez

  2. Domenico, Roma

    Ma quale “coperta lunga”… Per una squadra impegnata su tre fronti, come la nostra, IL MINIMO è avere disponibili in rosa 4 elementi tra i centrocampisti centrali. Senza poi tenere conto di eventuali squalifiche, infortuni, cali di forma, etc.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*