Questo sito contribuisce alla audience di

Sousa esonerato? Ecco le due correnti all’interno della Fiorentina

Sousa sorridente. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

La sconfitta contro il Borussia ha lasciato diversi strascichi all’interno della Fiorentina e i piani alti della società gigliata stanno valutando se esonerare o meno Paulo Sousa. Ci sono due correnti: la prima, che è quella di Mario Cognigni e Andrea Della Valle, è favorevole all’esonero del tecnico portoghese, mentre la seconda, che corrisponde alla figura di Pantaleo Corvino, non vuole cacciare Sousa. Il direttore generale dell’area tecnica vorrebbe aspettare almeno fino alla prossima gara contro il Torino: in caso di passo falso anche contro i granata, l’esonero del portoghese sarebbe praticamente immediato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

43 commenti

  1. cioè comanda Corvino? Corvino dice al presidente quello che deve fare???? Ma vi rendete conto di quello che dite? Corvino avrebbe mandato via Sousa il giorno stesso del suo insediamento, ma cambiate lavoro….

  2. @S69, io ho capito che questa squadra è incompleta, ma nella circostanza di ieri sera, in quella precisa situazione tattica delicatissima, anche il mio gatto aveva capito che eravamo in difficoltà, in quel momento andava fatta una scelta, Tomovic non è la panacea di tutti i mali però ieri magari una mano ce la dava. Concordo con te i tedeschi nei 180 minuti ci hanno messo bel sacco, ma con qualche contromossa al momento opportuno, secondo me, passavano il turni noi. Non giocavamo con il Bayern.

  3. Fiore63, l’è il solito problema della coperta troppo corta. Tomovic dietro ti dava meno “fisico” dietro per marcare quegli armadi. Poi magari evitavi il terzo gol perché Sanchez “schermo” sarebbe uscito in pressione sul tiratore. Ma da quello che si è visto ad inizio campionato, il Sanchez a metà campo è tanto generoso quanto confusionario. Bada bene, io nn ho mai detto che Sousa nn sbagli o sia perfetto. Dico solo che l’è uno che cerca di completare un puzle dove mancano almeno un paio di tessere.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*