“Sousa faccia più cene coi giocatori”

Il tema delle cene di Sousa ritorna anche in questa settimana e ancor di più dopo la sconfitta subita dalla Fiorentina ad Empoli. E La Nazione pubblica stamani un editoriale di Paolo Chirichigno, il responsabile delle pagine sportive del giornale, dal titolo: “Sousa faccia più cene coi giocatori”. Leggiamo all’interno del pezzo: “Si è parlato di gelo tra la società e il tecnico: i giocatori in questi casi – quando la professionalità è un’idea e non uno stile di vita – annusano l’aria in anticipo e si dedicano al minimo sindacale di impegno, cattiveria e agonismo. Si è visto anche ieri al «Castellani», dove l’Empoli ha vinto con merito e dove la Fiorentina ha perso ancor prima di entrare in campo. Tutti gli occhi erano sui foglietti del direttore sportivo dello Zenit San Pietroburgo, corso in Italia a visionare Saponara, Alonso, Bernardeschi e Kalinic: per quanto riguarda i viola tornerà a casa sconsolato. E’ solo un caso che nella famosa cena a Villa Cora, Sousa era stato considerato in compagnia di emissari russi? Tra sospetti e musi lunghi, la Fiorentina si avvia a finire la stagione in modo inglorioso. Il quinto posto non garantisce nulla se non un inizio di stagione anticipato e «disturbato» da impegni ufficiali tra il 28 luglio e il 4 agosto. Un consiglio non richiesto: Sousa faccia più cene con i propri giocatori, li convinca che qualcosa ancora si può salvare. Per rispetto a Firenze“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Se i Della Valle a gennaio ca……. i soldi necessari per migliorare (non potenziare) la squadra, noi erevamo al 2-3 posto, sousa era felicissimo di stare a firenze e lo stadio era sempre pieno perchè tutti andavamo nella stessa direzione.
    Se la proprietà ha deciso di non spendere e di affidarsi alla fortuna, se poi la gente gli va nel **** e se ne vuole andare oppure non va più allo stadio, che non si lamentino questi MENTECATTI.
    Sousa non è un deficiente e il tifoso nemmeno.
    Sousa se ne andrà e il tifoso (in quanto cliente) deciderà di risparmiare i soldi del biglietto e starsene a casa.
    A me mi è proprio venuta a noi questa situazione del al padre padrone della valle non gli può essere avanzata nessuna critica e che gli deve essere sempre detto ” BRAVO ”.
    SIETE PIDOCCHIOSI E INCAPACI, la verità è questa e la gente che vive di calcio e di fiorentina vi va nel c@@o.
    BONA.

  2. Quando metti sotto contratto un allenatore che ha un rapporto con un’altra società, devi essere preparati all’eventualità che possa fare la stessa cosa anche con te.
    Sousa evidentemente è uno che, per la sua ambizione, sacrifica facilmente la parola data e gli impegni assunti. Bisogna fare tesoro di questa esperienza e non ricadere in questi errori, visto che anche con Montella è accaduta la stessa cosa. I della Valle devono imparare che il calcio segue delle logiche diverse da quelle del mondo degli affari. Forza Fiorentina sempre e comunque!

  3. L’impressione è che fra sousa e i giocatori non c’é il feeling che c’era con montella. La società dovrebbe porre rimedio facendo subito un cambio di allenatore prima che si guastino i rapporti anche tra giocatori e club. Ciò complicherebbe per molti versi la prossima campagna acquisti e rinnovi contrattuali. poi occorre una scossa in panchina altrimenti siamo ancora in tempo a perdere pure il 5 posto..

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*