Sousa: “Fin da bambino ho sempre trasformato la paura in coraggio. L’Empoli? Alcuni di loro forse sperano di venire a Firenze…”

Sousa dà indicazioni ai suoi. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com
Sousa dà indicazioni ai suoi. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Il tecnico viola Paulo Sousa parla del carattere della sua Fiorentina: “Io sono una persona ed un allenatore positivo e penso a vincere, nella mia vita ho trasformato la paura in coraggio, fin dalle complessità che affrontavo da bambino. Per questo cerco sempre di trasmettere questo ai miei giocatori, non solo per oggi ma anche per il futuro perché il calcio è una scuola di vita straordinaria. Il coraggio serve loro per accrescere il carattere, i momenti importanti sono le partite: noi sappiamo che abbiamo le potenzialità per stare un po’ più avanti in classifica, abbiamo perso qualche punto per strada, ma solo la continuità di vittorie ci potrà far salire. Cosa ruberei all’Empoli? Io mi focalizzo sui nostri elementi, i nostri principi e valori, che stanno crescendo; per avere continuità, essendo un diesel, l’intensità ed il carattere devono essere sempre presenti, stanno aumentando e possono aiutarci a vincere. La squadra è ora molto prossima al suo livello e questo dà più garanzie per ottenere i risultati, domani è il momento giusto per iniziare a vincere nuovamente. Cosa temo? L’Empoli gioca da tempo nello stesso modo, ha un buon palleggio, nelle ultime due partite ha racimolato motivazioni. Sanno che per loro a livello ambientale battere la Fiorentina comporta delle motivazioni extra, qualche giocatore magari pensa anche di poter giocare nella Fiorentina nel futuro per cui il livello è sempre più alto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Belle parole ma poi la realtà è ben diversa da 11 mesi.da gennaio scorso.peccato che non sei capdi tradurre in realtà le tue belle parole Paulo Sousa.grande Maestro in supercazzole Tognazziane

  2. Grande coraggio a parole, poi si gioca in casa contro le ultime in classifica con una punta che deve pure difendere. Ma vai a cagare, domani mi sa che ti prendi una lezione anche da Martusciello

  3. Vaia, vaia, … prima ti levi da tre passi e meglio è.

    O Sousa, i giocatori che hai (nel bene e nel male) son questi, falli giocare come ci riescono loro e non come piace e a te!!
    Anche a me piacerebbe avere una Ferrari, ma cerco di sfruttare al meglio la mia Wolksvagen Golf, cercando di ricavare da lei le migliori potenzialità senza fargli fare le corse su pista, perché sarebbe inutile e tempo sprecato!!

    Inutile far correre Tello o Bernardeschi per tutto il campo (non ce la fanno!!) per poi farli arrivare spompati agli ultimi metri, inutile lasciare sempre solo Kalinic sperando che vada bene, inutile continuare con questo tiki-taka orizzontale quando gli avversari ti aggrediscono per 95 minuti in ogni zona del campo.

  4. Mister senzapaura gioca con una punta!!!pensa se ne avesse avuta!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*