Sousa ha trovato il famoso terzo centrale. E Firenze un nuovo idolo

Salcedo

Si chiamano entrambi Carlos, Salcedo e Sanchez, due che con grinta e ottime prestazioni hanno conquistato Sousa e i fiorentini. Ci concentriamo però sul primo che già a Salonicco aveva fatto un’ottima impressione, salvo poi tornare in panchina. Il messicano, al suo esordio in Serie A contro il Milan, ha disputato un’ottima prestazione dando sicurezza al reparto e risultando anche decisivo in qualche occasione. Salcedo è il terzo centrale che mancava alla Fiorentina e oltre ad aver conquistato Sousa ha anche il favore dei tifosi che lo vedono già come un idolo, al pari proprio di Sanchez.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

25 commenti

  1. si, il problema è che giocherà solo quando gli altri sono indisponibili viste le fisse di sousa…

  2. Molto, molto interessante. Ora ,col senno di poi , tutti i corvi ( 4 li nomino spesso) scoprono l’acqua calda e cioè che Corvino ci capisce e che a giudicare solo con le figurine si orende cantonate pazzesche. Io l’avevo detto ( o immaginato) é il coro. Vigliacchi commenti

  3. Non si vince coi giocatori slavi,ma con i sudamericani ! La storia del calcio dice questo

  4. Fracazzo da Velletri

    Lui e Sanchez hanno portato quello che nella rosa non c’era e chi sapeva vedere vedeva…..
    Ottimi acquisti ma non facciamo di Corvino un santo ,finalmente ha capito che non esistono soli gli slavi in sudamerica di difensori forti ne trovi quanti ne vuoi,Sanchez poi è un nazionale inamovibile da anni quindi noto a tutti, che aveva fatto il suo tempo in Inghilterra! !
    Certo se Gabbiadini avesse avuto una C in più forse! !!!!!

  5. E’ vero che ha giocato solo due partite, ma si vede chiaramente sia l’impostazione del giocatore, sia la duttilità, sia la disciplina in campo. E Salcedo mi sembra veramente buono in tutte e tre queste caratteristiche, anzi, è stato anche troppo disciplinato, avrebbe potuto spingere in avanti anche un pò di più, alla Astori. Ma la cosa veramente importante è che, se dovesse mantenere queste aspettative, avremmo trovato il difensore giovane di prospettiva che, nel giro di un paio di anni potrebbe tranquillamente sostituire Gonzalo ( e ricordiamo che anche Astori ha 29 anni). E questo sarebbe fondamentale per ringiovanire e ricostruire la difesa.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*