Sousa, la risposta delle risposte. Firenze chiede chiarezza

sousa

Paulo Sousa, si legge sul Corriere dello Sport-Stadio, prima della chiusura del mercato era stato molto chiaro: “Le valutazioni e gli obiettivi li fisseremo dopo il 31 agosto, a mercato chiuso”. Ecco adesso ci siamo e sabato, alla vigilia del match contro il Genoa, toccherà proprio al tecnico, in conferenza stampa, indicare la strada che la Fiorentina intende seguire in questa stagione. Lui, Sousa, è sempre stato chiaro specie con i tifosi e dunque, sottolinea il quotidiano, tutti all’ascolto di Paulo per capire cosa ci dobbiamo aspettare in questa stagione dalla Fiorentina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Ma chi è che chiede “chiarezza! Io sono Viola ma non chiedo chiarezza. La proprietà e la società hanno da sempre detto cosa vogliono fare nella Fiorentina . Da quando l’hanno comprata. Cosa significa chiedere chiarezza ? Più chiari di così ?!?!?! Ma volete cambiare nenia ! Non passa giorno che un giornalista, che scrive sulla Fiorentina, non scriva “vogliamo chiarezza” !!!! Ma provate a cambiare, abbiate un pò di fantasia. Cercate soprattutto di non creare polemiche inutili. Basta !

  2. Ma non vale più la metafora della frittata? Testa bassa e pedalare! Questa deve essere la nuova metafora

  3. Sousa deve e può anche non dire nulla. Evitiamo polemiche ad un solo giorno da una partita. Testa al campo e a vincere senza scuse.

  4. Ma vogliamo scherzare? Ma cosa gli dovremmo chiedere a Sousa? cosa pretendiamo che ci dica? Che è insoddisfatto, ma comunque arriveremo primi? E se non succederà, diremo che è un bugiardoe mentitore? Ma via, redazione! Che articoli e che domande sono queste! Le squadre sono tante e tutti vogliono vincere, ma alla fine vince solo uno! “Lotteremo per lo scudetto!” Se lo dicesse ci sarebbe da dubitare della sua testa. Certo che fa l’operazione contraria (“Vediamo cosa faremo…” Ci sarà di sicuro chi dirà che non ha e non comunica entusiasmo! Fatemi il piacere: abbozziamola con articoli che si basano su dichiarazioni a futura memoria. Non si incendiano gli animi e tutti sono più tranquilli. Capisco che il giornalismo sportivo vive di queste cose, ma, diciamocelo, questo è giornalismo deteriore! No?

  5. L’articolo è del corriere, ma il titolo c’è lo mettete voi: ma la vogliamo piantare con questa storia della chiarezza e lasciarlo lavorare in pace. Se punta alla Champions è uno sbruffone, se all’EL è scontento, se dice di non sapere dove potrà arrivare la squadra fa il furbo ed è insincero. Poi ci si mette pure Agropoli, grande ex allenatore vincente della viola, a sparare cavolate. E noi poveri fessi a continuare, assetati di notizie serie, a frequentare i sedicenti siti viola.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*