Sousa: “Mi piace lavorare con i giovani e cercherò di valorizzarli. Contento di Rossi, è molto motivato”

MOENA – Il tecnico della Fiorentina Paulo Sousa ha preso la parola al termine dell’amichevole con il Feralpisalò: “Devo capire il comportamento dei giornalisti e quando non hanno qualcosa da scrivere devono parlare di qualcosa. Ho una moglie che mi supporta nel mondo del calcio, ringrazio sempre Dio di avermi dato la possibilità di allenare. Non sono arrabbiato per nessun motivo. Lavorare con i giovani? Ho iniziato la mia carriera da allenatore volendo farlo con i giovani. Credo che l’importante è che tutti siano molto chiari con me e con i tifosi. Mi piace lavorare con i giovani che ho e cerco di valorizzarli per vincere sempre di più. Rossi? Ho già detto che sono molto contento del lavoro fatto con lui l’anno scorso. E’ stato sempre motivato per fare quello che ama di più. Gli abbiamo dato la possibilità di giocare, ma ad un certo punto aveva bisogno di continuità e abbiamo fatto la decisione migliore. Oggi è motivato e cerca di dar tutto e di soddisfare se stesso”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Sousa è un comunista del calcio nel senso che livella tutti in basso. Tutti devono fare di tutto, non importa se poco bene. Non c’è posto nel suo giuco per i talenti.

  2. Per uno come Sousa che non ha valorizzato un solo giovane (se si esclude Bernardeschi di cui ha fatto di tutto per monrtificare le caratteristiche e le attitudini ) il proposito sui giovani è un bel passo avanti. Vedremo pero’ come si tradurranno i propositi

  3. Tenersi Sousa vuol dire avere una zavorra.Questo e’ capace di mandarci in serie b con le sue picche e le sue bizze.Cambiamolo prima possibile o ce ne pentiremo.Ne riparliamo tra qualche mese.

  4. gianni daviddi

    Bravi giornalisti…bella figura…vi ha detto che inventate le notizie e voi tutti muti…siete dei fenomeni, tutti psicologi, tutti in grado di leggere nel pensiero della gente…ma fate festa

  5. Era la prima volta che vedevo Hagi,e pensavo che si stesse esagerando sul suo conto,invece è veramente bravo,non perde un pallone, a sedici anni.Peccato che sarebbe troppo un azzardo,sennò già potrebbe stare al posto di Ilicic.

  6. Su Tossi non c’è niente da scoprire in quanto si tratta di un campione assoluto, c’è solo da verificare la ritrovata efficienza fisica e mi sembra che stia dimostrando di averla ritrovata.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*