Sousa: “Mi soddisfa l’impegno ma la Champions è lontana ora. Ci hanno provocati, andrebbe tutelato chi gioca a calcio”

L'allenatore Paulo Sousa. Foto: LF/Fiorentinanews.com
L'allenatore Paulo Sousa. Foto: LF/Fiorentinanews.com

Queste le parole di Paulo Sousa a Mediaset Premium: “La mia è una squadra che sul piano della voglia ha dato tutto, è andata molto vicina a quello che è il nostro gioco, contro un avversario che a livello di aggressività ha messo tutto e anche di più. Stanno cercando la salvezza e oggi l’hanno dimostrato, riuscendo a prendere un punto. Sono soddisfatto per la voglia dei miei ragazzi, che hanno cercato in tutti i modi di vincere la partita. Nervosismo primo tempo? Hanno cercato di provocare molte volte nel primo tempo e siamo stai bravi soprattutto nella ripresa a rimanere concentrati sulla partita, pensando a giocare a calcio, anche se a tratti non ci hanno lasciati giocare. Abbiamo provato a vincere ma purtroppo non ci siamo riusciti. Episodio su Kalinic? Sono una persona di calcio e cerco di impostare i miei ragazzi su questo perché credo sia l’unico modo per far crescere un paese che ama tantissimo il calcio, come l’Italia. Purtroppo queste cose succedono e dovremmo però tutelare le squadre che giocano a calcio. Prestazione di Kalinic? Penso che tutti abbiano fatto una buona partita, contro una squadra che lotta per la salvezza. Abbiamo cercato di dare profondità al gioco, per segnare, per cui credo che lui, come altri, abbiano fatto una buona partita. Champions lontana? Certo, si allontana visto che i nostri avversari diretti continuano a raccogliere buoni risultati mentre noi stiamo facendo fatica a fare quelli che ci permetterebbero di avvicinarci a loro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Pino, cambia televisore o dai una aggiustata all’antenna, ti trasmette soltanto le giocate degli avversari. Tiri in porta della Viola 8 e tiri fuori 10 può bastarti o sono ancora pochi? Va be non è colpa tua. Forza Viola!

  2. Possiamo dare la colpa ai DV (come sempre) possiamo dare la colpa al mercato ( ma L. Lopez o Mammana non avrebbero cambiato niente) però dobbiamo parlare di questo allenatore che continua a promuovere una ideologia di calcio che non esiste, ha organizzato degli schemi ed una preparazione che hanno funzionato 3 mesi per una partenza sprint: ottima in Svizzera o Israele ma deleteria in Italia dove il campionato è lungo, difficile e molto tattico. Per carità qualche volta la squadra ci prova si impegna ma si vede chiaramente che non crede più nelle parole e schemi di Sousa perché si rende conto che gli avversari giocano in un modo più semplice e redditizio. Ecco se devo fare una colpa ai DV è proprio quella di cercare sempre allenatori che predicano il bel calcio il calcio propositivo quasi a privilegiare il possesso palla e lo spettacolo piuttosto che il risultato. Scusate ma io avrei preferito una viola “catenacciara” che portava a casa 6 punti in queste due partite.

  3. spfl@optonline.net

    Mamma Mia questo qua e’ troppo montato. Ma per piacere vattene da Firenze.
    Cisko hai ragione che il mister e’ il primo ad avere grossa confusione in testa ma un vero allenatore non puo dare sempre colpa a la societa’. Sousa parla troppo. Invece di prendersi le sue responsabilita’ dice bugie. Ma che schifo mi fa Sousa.

  4. Io vorrei sapere durante la settimana che ***** di allenamenti fanno.sembrano spompati e ora non hanno neppure la scusa delle coppe.si allenano 1,5 al mattino e ciao bambina.una vergogna!!!!

  5. Quando un allenatore valorizza le provocazioni e i calcioni degli avversari vuol dire che è a corto di argomenti. Avrebbe dovuto spiegare perchè la Viola ha giocato malissimo e non è stata capace di fare un tiro nello specchio della porta del Frosinone e invece ha parlato di atteggiamento provocatorio della squadra laziale. Insomma un brutto segnale quello di Sousa, i cui limiti stanno venendo a galla paurosamente. Montella sbagliava per arroganza e presunzione, Paulo Sousa invece si sta rivelando un mediocre allenatore perchè non sa inventarsi un modulo di gioco che possa fare uscire dalla crisi la Fiorentina.

  6. Il Frosinone è riuscito a prendere un punto?
    No no. È stata la brutta Fiorentina di oggi a strappare un punticino.
    Se passare in orizzontale e far possesso palla significa “giocare a calcio”, temo che il nostro mister sia il primo ad avere grossa confusione in testa.
    È pur vero che io, nonostante tutto, sto dalla parte di Sousa, perché capisco che a portarlo in tilt è stata la famiglia di arroganti, falsi e autoritari marchigiani assieme al loro stuolo di dirigenti inutili ed incompetenti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*