Questo sito contribuisce alla audience di

Sousa: “Non è un addio a Firenze, ringrazio tutti quelli che ci hanno aiutato a vincere. Hagi è straordinario”

Conferenza stampa conclusiva per Paulo Sousa, al termine della stagione viola: “Ho detto di non aver trasmesso all’esterno la mia passione, ho preferito scegliere il realismo senza farmi illusioni. Se ripenserei alle dimissioni? Non posso e non voglio parlare di questo, perché voglio parlarne a mente fredda. Ho fatto di tutto e sapete benissimo che l’ho fatto per la Fiorentina ma questo non mi doveva ritirare tutta la passione e l’ambizione che abbiamo creato. Questo è qualcosa che andrò a migliorare. Se c’è stata condivisione sul mercato? L’ho sempre detto, quest’anno ho scelto di fare solo l’allenatore cercando di dare il massimo. Tutti quelli che sono arrivati o che c’erano già avevano la mia attenzione, nel tentativo di migliorarli. Cosa mi ha deluso di più nel biennio? Oggi per me, più che approfondire credo di aver già indicato cosa mi ha deluso di me stesso: l’aspetto della passione, di voler sempre vincere anche non essendo più forti. Oggi vorrei fare più ringraziamenti, ai miei ragazzi, allo staff, ai magazzinieri che si sono fatti il mazzo anche fino a notte fonda, al reparto medico. E a tutta la Fiorentina, tutte le persone che ci hanno aiutato a vincere, è un ringraziamento ai miei amici di Firenze. Loro lo sanno, non è un addio ma un arrivederci, ne ho tanti, ho costruito queste amicizie e mi hanno fatto vivere benissimo a Firenze. Dragowski e Hagi il futuro? Tutti i giocatori della Fiorentina devono avere futuro, se hanno la qualità per farlo. Per un portiere è sempre più complesso perché ha bisogno di continuità per poter migliorare la sua interazione. La velocità nelle uscite contro l’attaccante è una delle sue migliori qualità, è migliorato tantissimo con i piedi, a livello di comprensione del gioco. Sono molto soddisfatto per quello che ha fatto oggi. Hagi tecnicamente è straordinario, ambidestro, calcia con entrambi i piedi. E’ migliorato a livello fisico, gli serve continuità competitiva, la deve trovare nella Fiorentina e non è semplice. Credo che sia sempre più preparato, non ho dubbi, è un giocatore da elite e spero che Firenze possa usufruirne al meglio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20 commenti

  1. vinto? carpi, borussia e molto altro dicono il contrario!!

  2. finalmente te ne vai,, iattura

  3. francescobellino

    Hagi e’ straordinario, e non ha quasi Mai giocato…

  4. Grazie a quelli che ti hanno aiutato a vincere??? Cosa hai vinto???

    Hagi era così straordinario che lo hai fatto giocare 2 spezzoni di gara…
    Grazie a Dio hai finito di caxxeggiare

  5. Te intanto vai via BACCALÀ PORTOGHESE..hai visto anche ieri sera come si gioca a calcio ? E giocavi con una squadra già retrocessa in B..sei piccolo come uomo e non presentabile come allenatore..FV

  6. facci l ultima magia …SPARISCI… sei solo un portatore di zizzania pure incompetente hai remato contro per più di un anno perché non ti piaceva il mercato ma vattene e speriamo che vai all estero non voglio più vederti supercazzolone gobbo forza viola sousafree

  7. Sabato nella Rube ha giocato e segnato un 2000, ieri nel Genoa ha giocato e segnato un 2001, Hagi è un ’98, se devi diventare un campione a 19 anni dovresti giocare di più di un tempo in una stagione. Ne Sousa, ne la società, che a gennaio ha fatto un acquisto inutile con Saponara, hanno dimostrato di crederci.

  8. Fracazzo da Velletri

    Chi sa di calcio ieri sera ha visto una squadra con un allenatore vero che in tre passaggi arriva in porta contro una squadra con uno pseudo allenatore che gigioneggia in mezzo al campo con tanti retropassaggi e che raggiunge il,pareggio con uno dei 4 tiri nello specchio della porta dopo oltre cento tiri in un anno ,finiti in curva!!!!questa la realtà! !!!
    Zeman è k’ennesimo allenatore che da una lezione al,povero Sousa!!!

  9. Se Hagi e’ straordinario, perché non l’ha utilizzato di più quest’anno? Forse e’ meglio così non c’è l’ha rovinato!

  10. Ma infatti Cisko si nota una sua crescita a livello fisico, ma soprattutto mi è sembrato giocare con più intensità attaccando lo spazio, cosa che anche in primavera non gli vedevo fare…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*