Questo sito contribuisce alla audience di

Sousa: “Non posso rimproverare i ragazzi, c’era un Napoli fortissimo davanti. Vi spiego le differenze tra noi e loro”

L'allenatore Paulo Sousa. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

A Sky il tecnico viola Sousa commenta così la sconfitta: “L’atteggiamento del gruppo è stato sempre in linea con le possibilità che abbiamo, lavoriamo sempre per crescere e vincere ogni partita. Oggi contro una squadra fortissima, se non è la migliore, è una delle migliori tra quelle che ho affrontato. Ha grandissima qualità ed è in un momento molto buono. Ho detto anche a Sarri che mi sono divertito a vedere diverse sue partite perché propone un calcio straordinario. Abbiamo sofferto il gol all’inizio, poi siamo cresciuti leggermente nel primo tempo; nella ripresa abbiamo preso dei rischi e abbiamo cercato di impostare qualcosa di diverso. La squadra ha creato e poteva segnare anche di più, Reina ha fatto alcune parate. La mia squadra ha cercato come sempre di giocare a pallone, con un calcio propositivo: è la squadra più forte che mi sono trovato ad allenare. La differenza con il Napoli? Quando abbiamo tutti i titolari in campo possiamo avvicinarci di più al loro livello. I ragazzi che hanno giocato oggi hanno portato avanti tutti i nostri concetti di gioco. Non posso avere rimpianti sui miei ragazzi, avendo giocato fuori casa contro una squadra fortissima. Ambizioni superiori alle potenzialità? Nella dinamica di gioco che propone il mio collega hanno cercato di portare competitività, comprando giocatori di grande qualità in ogni ruolo e questo gli dà la possibilità di mantenere in ogni partita la massima qualità, ciò si traduce in risultati. Noi abbiamo cercato di portare delle alternative che a volte siamo riusciti a sfruttare, non solo come risultati pratici, vittorie quindi, ma anche in termini di alternanza. Quando alcuni giocatori sono arrivati al massimo delle loro possibilità siamo riusciti ad offrire il nostro calcio. Che emozioni all’ultima? Immagino una Fiorentina che cercherà di vincere la partita, con qualunque interprete abbia in campo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 commenti

  1. Sei sempre il solito pagliaccio portoghese. Ma vai in xxxx vigliacco!

  2. Caro Sousa, avresti potuto ammirare una squadra propositiva e organizzata anche un paio di anni fa ed era sempre Sarri l’allenatore, la squadra in questione é l’Empoli. Quindi forse l’allenatore la differenza la fa! Anche tu fai la differenza, ma in negativo.

  3. Sousa: la solita supercazzola…
    Non se ne può più di sentire le disamine di questo filosofo del nulla!
    Meno male che presto ti cavi dalla …..!

  4. Correre tutti al 100% delle possibilità, dall’inizio alla fine. …ecco la differenza

  5. Avete letto chi aveva in campo e in panchina il Napoli? Lasciando perdere i meriti e i demeriti dei due allenatori,mi sembra che la qualita’ se messa sulla bilancia,sia dalla parte loro…e allora cosa si fa? Vendiamo Kalinic e perdiamo Bernardeschi..e invece di tenerli e sostituire al meglio Badelj e ricostruire la difesa…il prossimo anno saranno 5 i goal che prenderemo e la colpa sara’ di Pioli e non di chi non ha saputo o voluto costruire una vera squadra

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*