Questo sito contribuisce alla audience di

Sousa prigioniero delle sue convinzioni

Sousa con il collaboratore Sem Moioli. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

La Fiorentina non va, e questo è l’unico dato di fatto incontrovertibile. I viola, in tutto il 2016, hanno avuto un rendimento medio basso e la classifica attuale ne è lo specchio. Cercare un solo colpevole, un capro espiatorio, non è né corretto né giusto, ma certamente per cambiare le sorti di una squadra che non va si guarda immediatamente alla panchina, con Paulo Sousa sul banco degli imputati. Il tecnico portoghese sembra ormai prigioniero delle sue convinzioni, di quel sistema di gioco che aveva fatto grande la Fiorentina un anno fa, ma anche su scelte individuali come l’incaponimento su Tello e l’esclusione a prescindere di Zarate. La squadra del 2015 però, per tanti motivi, non c’è più e tocca proprio al tecnico trovare una via di fuga, un’alternativa per far riemergere la Fiorentina dal pantano. Lo ripetiamo, questa stagione può ancora essere salvata, ma serve un cambio di rotta netto e deciso da parte di tutti, Sousa in primis.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

9 commenti

  1. ora Sousa la sta tirando troppo per le lunghe ma la colpa è sempre dei soliti.ci hanno tolto ogni
    entusiasmo e prospettiva futura.si vivacchia in una mediocrità disarmante.chi ha bisogno di rilanciarsi
    aspetta la viola.ma dove sono finiti gli acquisti di gennaio————-

  2. O Dario povero cocco! La notizia ti avrà fatto tremare, tranquillo che il filosofo ci deliziera fino a giugno con le sue formazioni fatte a c…. di cane!

  3. Sousa è schiavo innanzitutto del suo orgoglio!!!E’ Leone ascendente Leone, quindi non cambierà mai idea e non ammetterà mai i suoi errori, piuttosto ti rimbecilisce con discorsi inutili…

  4. Caro bibi, secondo me è l’allenatore che si deve adattare a trovare un modulo di gioco con i calciatori che gli fornisce la società e non viceversa. E’ che questo pseudo allenatore non ha idee di gioco oltre quella che mette in atto ogni domenica. Quando un allenatore ha a disposizione 22 calciatori dovrebbe amalgamare una squadra decente da mettere in campo e non arronzare 11 calciatori mettendoli in ruoli di cui questi non sono abituati a giocare. E’ logico che sbagliano di più del solito o no! Quindi tutto parte dal manico, in questo caso già rotto da un pezzo. Vorrei vedere gli stessi giocatori sotto un altro manico.

  5. Magari con l’ anno nuovo la Fiorentina riparte col piede giusto. Ho sentito dire da uno oggi che sa già che Sousa andrà via a gennaio. Chi gliel’ha detto ?

  6. Scusate.ma la vogliamo finire di dire che Tello gioca per la clausola che fa risparmiare a riscattarlo. MA CHI LO VUOLE RISCATTARE?? SE LO RISCAttano sono da manicomio.

  7. Molto più semplicemente di come dicono altri tifosi : Sousa, per la Fiorentina, ha un’idea di calcio che prevede due terzini e due esterni che sappiano spingere e difendere, prevede un solo attaccante di movimento supportato da due trequartisti che sappiano inserirsi. In difesa preferisce il gioco a tre invece che a quattro. E, purtroppo, si incaponisce su questo modulo, il 3-4-2-1 che non è assolutamente, come dicono, il 4-2-3-1 che presuppone giocatori diversi. Sousa non contempla, se non preso per il collo, il 3-5-2 nè, tantomeno il 4-3-3. Per entrambi questi due ultimi moduli, secondo lui, non ci sono giocatori con quelle caratteristiche. E poi si incaponisce sui giocatori : Ilicic è un suo pallino, Tello non credo, credo più a clausole dettate dal Barcellona, Kalinic,Borja,Badelj e Gonzalo gli altri. E su di loro prova ad adattare il modulo che gli piace. potrebbe provare facilmente il 3-5-2 con tre centrocampisti, Berna e Chiesa sulle ali e Kalinic-Zarate davanti, ma non lo farà perchè non è garantito dulle fasce. In diversi gli chiediamo di rivedere certe posizioni. Se lo dovesse fare dimostrerebbe sia umiltà che perspicacia. Lo farà ?

  8. ormai è schiavo del calcio emosssionale che ci ha venduto come fumo negli occhi…si è trincerato in questa situazione e ora non sa uscirne..

  9. un allenatore che continua ad insistere su un pensiero di calcio che la sua squadra non può sostenere o è incompetente o in mala fede…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*