Sousa, questo freno a mano non te lo puoi permettere

Badelj Schieramento

Abbiamo già ampiamente parlato della situazione delicata in cui versa Milan Badelj, rimasto praticamente contro voglia a Firenze la scorsa estate e in procinto di trasferirsi altrove tra gennaio e giugno prossimi. Questo traspare dalle parole del suo agente e da un contratto ormai non più così lungo. La Fiorentina però si trova in casa una bella gatta da pelare poiché il croato rappresentava l’anno scorso il metronomo ideale della squadra di Sousa, eccellente nella doppia fase e in grado di mettere la sua grande intelligenza tattica al servizio dei compagni. Tutte caratteristiche che sono venute meno quest’anno, presentando un Badelj nella migliore delle ipotesi anonimo, tolto il gol con la Roma. In pratica una sorta di freno a mano, che sta rallentando non poco la Fiorentina e a cui dovrà essere posto rimedio: o con un cambio di marcia (mentale soprattutto) dello stesso regista classe ’89 o con un’esclusione più o meno duratura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Bravissimi date i numeri che si giocano al lotto. Ve ne do uno anche io: -6 sulla ruota del franchi nelle ultime 3 partite.

  2. Mi pare una disamina del tutto disancorata dalla realtà calcistica offerta dal giocatore e dalla squadra.
    Non ha certo brillato, come molti dei suoi compagni. Tuttavia non è stato fin’ora uno dei peggiori anzi.
    Questo modo di fare giornalismo e di alimentare polemiche lo trovo piuttosto scadente ed ahimè inutile.
    Saluti Viola

  3. Non sta ndando così male Badelj, non sta giocando ai livelli di gran parte della scorsa stagione, ma non sta andando male. E’ che la Fiorentina ora sta giocando con un modulo diverso, sta in campo in un’altra maniera, e i due nel mezzo fanno cose leggermente diverse rispetto all’anno scorso. Nel 3-4-2-1 corto e ampio dell’anno scorso e dell’inizio di quest’anno, Badelj era fondamentale, e aveva più libertà d’azione e di giocata, in questo 4-2-3-1 corto e stretto, lo è meno, e deve giocare in maniera più semplice e lineare, e rischiare meno. E’ comunque utile Badelj, quest’anno, ma l’anno scorso era a dir poco fondamentale. Borja Valero nel nuovo modulo sta bene anche tra i due centrali di centrocampo, nel vecchio modulo indeboliva tremendamente la fase difensiva della squadra. Ci pensa Corvino a Badelj, io starei tranquillo a questo proposito.

  4. Sousa faccia giocare chi è motivato e pronto. Chi non ha voglia o non ci mette testa, non gioca. Sousa vuole fare un calcio troppo complesso, servono risultati e concretezza. Contro la samp fai il 433 togliendo tello a inizio ripresa e vinci quasi certamente.

  5. Più che un problema di modulo è un problema di testa…oramai Sousa ha gettato la squadra già scarsa di suo in una sorte di confusione totale..i giocatori vagano per il campo con impegno ma senza schemi o movimenti senza palla..e in più non hanno caratteristiche importanti come la grinta e la cattiveria agonistica

  6. Per me la Fiorentina deve giocare col 4-3-2-1 con Tata; Salcedo-Gonzalo-Astori-Milic; Sanchez-Borja-Vecino; Bernardeschi-Hagi; Kalinic (Baba) oppure col 3-5-2 con Tata; Salcedo-Gonzalo-Astori ; Chiesa-Sanchez-Borja-Vecino-Bernardeschi ; Kalinic (Baba) -Zarate (Hagi)
    Così si risolve once for ever il problema Badelj.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*