Sousa: “Se abbassiamo l’intensità faremo molta fatica a battere il Genoa. Salcedo? La società non mi ha imposto niente, decido io”

Sousa sorridente. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Alla vigilia di Fiorentina-Genoa, parla in sala stampa Paulo Sousa: “E’ innegabile che noi dobbiamo sempre fare il massimo di noi stessi, non possiamo permetterci di abbassare l’intensità perché siamo più vulnerabili. Quando Vecino parlava di una finale per la partita scorsa, per noi lo sono tutte: non dobbiamo accontentarci del bel gioco ma solo delle vittorie. Per essere efficaci dobbiamo avere fame di vittoria e contro squadre come quella di domani, che lavorano sui contrasti e le marcature, in un periodo difficile, se abbassiamo l’intensità avremo molte difficoltà. Percezione del mio addio negativa per la squadra? Quello che sto vivendo quotidianamente non mi dà nessuna indicazione in questo senso, perché la mia percezione mi porta a cercare di controllare tutti gli aspetti possibili, per permettere la crescita dei miei ragazzi. Genoa e Pescara decisive? Non possiamo pensare a due partite insieme, la cultura è importante anche a livello esterno, non solo dentro lo spogliatoio. Salcedo? La società non mi ha imposto niente su di lui, la società prende le decisioni sui giocatori da trattare. Io prendo quelle riguardanti il campo, per cercare di vincere le partite”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. testa solo al presente, testa solo a battere il genoa!! bisogna essere aggressivi e grintosi!! guai prendere la gara come fosse già vinta!!

  2. Dei . Hai talmente ragione che tutti , dico tutti gli ex , perfino Prandelli , si rammaricano d’aver lasciato la Fiorentina , non solo quelli che hanno fallito, ma anche quelli di successo e sempre , nessuno escluso parla dell’esperienza nella società Fiorentina, come d’una esperienza fantastica e irripetibile.

  3. Parla da ex allenatore…speriamo bene x il futuro,ma e’ la qualita’ e le motivazioni dei giocatori a fare grande una squadra e io vedo qui un sacco di gente alla finestra,ma non x comprare,bensi’ x vedere dove andarsene e quelli che non sono alla finestra e’ perche’ sono talmente scarsi che restare qui e’ una fortuna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*