Sousa studia la nuova Fiorentina: La lista di chi può partire

Paulo Sousa Basilea

Paulo Sousa Basilea

Paulo Sousa è già al lavoro per studiare la Fiorentina del futuro, la sua Fiorentina per intendersi. E La Nazione quest’oggi si concentra sui giocatori che potrebbero lasciare la squadra viola, gli ‘incerti’ come li chiama il quotidiano fiorentino. Giovani e meno giovani, big e meno big, la lista dei possibili partenti è davvero lunga e comprende: Basanta, Tomovic, Badelj, Joaquin, Kurtic, Ilicic, Gomez, Salah, Capezzi, Brillante, Roncaglia, Vecino e Camporese. Su tutti ovviamente deciderà Sousa non appena l’incarico sarà ufficiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

19 commenti

  1. che paese di invasati mentali che siamo……. questo sousa, non è ancora arrivato, non si sa se arriva ed avrebbe fatto già liste varie dei buoni e dei cattivi. Povera gente e branco di pecore……..famo ride erca……

  2. Vedo che vi divertite molto a fare liste varie di chi parte chi resta e chi arriverà secondo come potrebbe essere le indicazioni di Sousa che ancora non a firmato nulla con la Fiorentina A me piacerebbe vedere la viola il prossimo anno schierata cosi 4-2-3-1 o 4-3-3 Scuffet-Donati,Gonzalo,Savic,Hysaaj-Borja V.,Viviani-Bernardeschi,Bertolacci,Salah-Babacar le riserve Miarante-Piccini,Basanta,Camporese,Pasqual-Badelj,Capezzi-Vecino,Rossi,Borini-Gilardino più Rosati senza una grossa spesa

  3. Ma siete proprio sicuri che Souza sia il prossimo allenatore della Fiorentina………….??????????

  4. A proposito di liste e di giocatori, qualcuno ha visto l’ennesima figura di m…fatta da Savic al cospetto di Ibra…solo due reti…e qualcuno lo considera un Dio…Informo che l’Arsenal per Rugani( Juve) sembra abbia offerto 18 milioni….e la Juve vuole Savic!!!!!!
    Da vendere subito anche per 8 se qualcuno te li da!!! gli inglesi l’avevano giudicato bene: SCARSO!!

  5. La Nazione nei confronti della fiorentina è un giornale destabilizzante. Pur di scrivere qualcosa si inventa anche la lista degli indesiderati. Mi verrebbe da chiedere alla redazione del giornale chi gliela fornita quella lista. E se sono delle loro sensazioni ci spieghino su quali basi le hanno elaborate, altrimenti sono, come sempre, solo parole nel nulla.

  6. bravo Matteo

  7. Ma xche scrivete cose che non vere quello non e’ ancora arrivato non ha ancora messo I piedi Sul campo e voi date per scontato che ha messo la lista!
    Noi non diamo per scontato niente. E’ una notizia de La Nazione e c’è scritto. Un saluto Redazione

  8. Bravo matteo e quello che penso pure io e non capisco perchè debbano remare cosi contro dovrebbero lascia lavorare tranquillamente e soprattutto non dovrebbero usare qualsiasi sistema per deteriorare ulteriormente i rapporti tra tifosi e società

  9. AceBati io invece mi arrabbio perché la maggior parte delle polemiche (inutili soprattutto tra tifosi e società) nasce proprio da quello che scrivono i giornali. Cambiano dichiarazioni, scrivono cose inventate di sana pianta. Se un tifoso ha un minimo di esperienza di gestione di una squadra di calcio capisce comunque, ma chi invece non ha questa esperienza o ragiona più con il cuore che con la testa (e capita anche a me) accadono polemiche come quella dell’esonero di Montella: nata tra società e allenatore (cosa che può accadere) e fomentata fino alla rottura dai giornalai con domande mirate a Montella durante le interviste prima e pressing sulla società che non prendeva decisioni poi. L’unico errore di entrambi è stato l’essere poco furbi: Montella è caduto nel tranello delle interviste appena si è ritrovato ad avere scarsi risultati e doveva difendere le sue scelte e ha sbagliato incolpando tifosi la società (cosa inaccettabile), la società è caduta nel tranello del pressing mediatico con una scelta forse avventata. Bisogna lasciar lavorare la gente con tranquillità: la stampa ha “zavorrato”la squadra di responsabilità nel momento cruciale della stagione e lo sta facendo di nuovo con la società nel momento cruciale delle decisioni per l’anno prossimo. Questa è la mia idea. Ciao e forza viola!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*