Sousa sul banco degli imputati. Ecco tutte le accuse della società al tecnico

L'allenatore Paulo Sousa. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

La Nazione in edicola stamani torna a parlare del rapporto tra Paulo Sousa e la Fiorentina che in queste ultime ore è a dir poco teso. Secondo il quotidiano nella giornata di ieri, durante l’incontro che c’è stato all’interno del centro sportivo, i rappresentanti della società hanno voluto parlare con Paulo Sousa di tutti quegli aspetti che ancora ad oggi non convincono: la sostituzione di Bernardeschi nella gara di Europa League, uno dei pochi ad essere comunque pericoloso; Saponara schiantato in tribuna o ancora Sanchez piazzato in difesa, per concludere con i tanti giocatori messi fuori ruolo per mettere in campo una Fiorentina sempre con lo stesso modulo. Tante domande e tanti dubbi che solo con il Torino potremo capire se sono stati accolti e recepiti dal tecnico oppure no.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

19 commenti

  1. Antonino chapeau..92 minuti di applausi!
    Cara redazione fate copia e incolla e pubblicate quel commento

  2. Ecco complimenti Antonino concordo in pieno. Il tuo post dovrebbe essere estratto dalla redazione e farci un articolo. Cogli bene tanti aspetti che ‘giornalisti’ (ahahah) come calamai o bucchioni faticano a capire!

  3. Concordo appieno con Antonino, ha fatto una esame della situazione della Fiorentina chiarissima che và in scena da anni,ma che nessun tifoso vuol riconoscere e fanno tutti finta di non vederla, per poter ogni anno avere la scusa per rinnovare quel amato abbonamento per andare alla stadio, forse è giunto il momento, se si ama veramente la Fiorentina di fare altro la domenica…..

  4. Montella viene cacciato perché la sua analisi tecnica lo porta a dire che la squadra ha bisogno di rinforzi e di svecchiare.
    Arriva Sousa e che succede?
    Pronti via:
    Salah non torna e la società non spende i 18 milioni necessari per il riscatto
    Joaquin rimane in albergo e poi va via
    Savic scende dall’aereo e va via per una vagonata di soldi (solo pochi dei quali investiti per acquistare Astori)
    Via Gomez e con i soldi dell’ingaggio Sousa si inventa l’acquisto di Kalinic (che oggi vale una cifrona)
    La società annuncia che la squadra non è stata completata perché manca un difensore che sarà acquistato senz’altro a gennaio
    Sousa lancia Bernardeschi (fuori ruolo a detta dei santoni???) che diventa … Bernardeschi e fa imporre Vecino come uno dei migliori centrocampisti della serie A.
    La squadra gioca benissimo, vince e va in testa alla classifica. Tutti aspettano un paio di rinforzi (in primis il difensore tanto atteso).
    Dopo la lunga agonia di Lisandro e la sceneggiata di Mammana arrivano alcune riserve di squadre mediocri e all’ultimo istante l’atteso difensore (infortunato).
    La squadra tutta (e non solo) si sente presa in giro, si demoralizza e prende coscienza che alla società non frega nulla della squadra.
    Parte la fase di delegittimazione dell’allenatore da parte di stampa, critica locali ed ex giocatori e pseudo tifosi (tutta roba già vista con Prandelli e Montella).
    Arriva Corvino e che fa?
    Non prende il difensore esterno destro di cui la squadra ha bisogno;
    Vende Alonso (28 milioni) creando un buco anche a sinistra;
    Sperpera i pochi soldi a disposizione prendendo giocatori assolutamente inadeguati a rinforzare la squadra (Drawgoski, Diks, Toledo, ecc).Non rinnova il contratto di Gonzalo (e non lo vende) creando un grosso problema alla squadra (Gonzalo, che è anche il capitano, non riesce a giocare ai suoi livelli sentendosi tradito come prima di lui era successo con Pasqual) e all’allenatore;
    Non risolve la grana Badelj creando un ulteriore grave problema alla squadra e all’allenatore;
    Mette sul mercato (senza venderli) Ilicic e Babacar creando un grave disagio specie a Ilicic (giocatore alquanto difficile di carattere) che si sente scaricato e non riesce a confermarsi.
    La squadra (con Gonzalo, Badelj, Ilicic e forse Valero, che probabilmente aspirava ad andare alla Roma, non nelle condizioni psicologiche ideali) comunque va avanti perdendo tanti punti per errori gravissimi individuali anche da parte dei migliori e non, come si vorrebbe far credere, per errori di Sousa (giocatori fuori ruolo e stupidaggini simili). Sousa trattiene a Firenze Chiesa e lo lancia in serie A quando ancora nessuno (forse nemmeno il padre) riusciva nemmeno ad immaginarlo.
    Si alimenta ancora la fase di delegittimazione dell’allenatore a cui vengono addebitati tutte le responsabilità che sono chiaramente di altri.
    A gennaio, Corvino non prende i giocatori che servono alla squadra e praticamente scarica definitivamente Gonzalo.
    La squadra ne risente pesantemente (specie dal punto di vista psicologico) e arriva una eliminazione assurda in Europa.
    Mi chiedo: CON QUALE CORAGGIO BARBARO I DELLA VALLE SI PERMETTONO DI CHIEDERE SCUSA PER LA SQUADRA INVECE DI CHIEDERE SCUSA PER LA LORO ASSOLUTA INCAPACITÀ?
    DELLA VALLE, COGNIGNI E CORVINO HANNO DISTRUTTO LA SQUADRA E, CON L’APPOGGIO DEI LORO AMICI (STAMPA, CRITICA E PERSINO TIFOSI), SCARICANO LE LORO COLPE SULL’UNICA PERSONA CHE COLPE NON HA, ANZI…..
    Mi sento preso in giro e sono disgustato da tanta cattiveria verso l’allenatore che ha effettivamente un difetto (gravissimo per i Della Valle e accoliti vari) come l’aveva anche Montella e cioè ESSERE VINCENTI!!!!!

  5. Le uova erano e sono quelle, e la frittata l’abbiamo fatta. STOP! non lo voglio difendere perché le sue colpe ce l’ha, però mi dite chi ci metteva? Sanchez in difesa fa ridere e non è il suo ruolo, Tomo è stato infamato sempre e spesso a ragione, visto che la frittata è arrivata per zero filtro a centrocampo e difesa ridicola escluso Astori, cosa doveva fare? Dove è lincontrista che poteva farci comodo in una situazione del genere? Borja? Se non siamo in grado di fare neanche un po’ di sano catenaccio, è meglio che cambiamo sport.

  6. Concordo con antonino.. adesso si rimpiange tomovic..ma cosa doveva fare con tutti i fenomeni di corvino …pensare che in molti erano contenti quando è tornato…

  7. Sarà anche una società spilorcia una società che non l’importa niente della Fiorentina ma i giocatori in campo li mette Sousa ….se lui voleva Zarate sarebbe rimasto

  8. Troppi errori di Sousa nella partita. Sul 2 a 1bisognava fare come Montella con noi un difensore in + ed è fatta. Il limite di Sousa è di credere di insegnare calcio, MA lui x ora è una ceppa, ne ha da fa di strada. Lui è il vero limite della squadra viola, perchè non ha alternative al suo modulo. In Italia ci sono tanti allenatori alla sua altezza (io direi tutti, tranne un oaio veramente scarsi). firza viola

  9. Sousa ha sbagliato a febbraio 2016 a ritirare le dimissioni. Ha risbagliato a settembre 2016 (disse parlerò a fine mercato, ma poi gli venne il braccino) a nn dimettersi. Ha sbagliato ieri, se è vero ciò che dice la nazione, a nn mettere alla porta chi gli suggeriva scelte tecniche senza essere qualificato, con una frase semplice, semplice “se nn ti va bene, mandami via”.
    Tanto nn lo mandano via. Fa da scudo ai veri responsabili.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*