Sousa: “Voglio sempre vincere e per questo ho rischiato di rompere rapporto e mi sono svuotato. Astori? Non parliamo di gossip”

Paulo Sousa Primo Piano

In conclusione Paulo Sousa torna sull’aspetto del suo calo mentale e sulla querelle Astori: “Vi ho sempre detto che io voglio vincere e dall’inizio ho sempre spinto tutti per farlo, rischiando anche fratture interne. A un certo punto arriva però un vuoto di energia se non c’è risposta ma bisogna imparare a gestire meglio questo momento. Astori? E’ stata una decisione tecnico-tattica, è un ragazzo che lavora bene e ha possibilità di giocare come gli altri. Non posso dare troppo spazio al gossip. Se può restare fuori Zarate? E’ possibile perché tutte le mie decisioni, anche in attacco, va su calciatori che hanno le due fasi, soprattutto per la parte iniziale della partita. Mercoledì cercavo più la mobilità e Mauro nello stretto, pur discontinuo, ma è il giocatore più importante che abbiamo. Recupero di Vecino? No, nessuna speranza di vederlo in campo. Prima mezzora fondamentale? Le partite hanno pià di trenta minuti e purtroppo quando a Torino avevamo la partita sotto controllo, nel finale, abbiamo patito in alcune transizioni. Dobbiamo fare la partita perfetta per vincerla. Perché nessun ritiro? Non è per un ritiro che i ragazzi vengono più concentrati e con più energia al campo. L’importante è che loro sappiano l’importanza della partita e lo sanno. L’incontro con i tifosi? La conseguenza dei risultati negativi non è stata quella di dare meno di quanto avevamo, loro riconoscono questo e sanno quando siamo sopra i nostri limiti. I tifosi hanno riconosciuto ed apprezzato sempre quando abbiamo dato tutto, pur perdendo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. non si molla mister!! e non avete sempre dato tutto!! alla squadra non si trasferisce negatività ma grinta e determinazione sempre!! ora testa ai gobbi e a batterli!! possiamo farcela!! crediamoci!!

  2. I tifosi hanno riconosciuto che abbiamo sempre da tutto?
    Ma dove?
    Anche contro Frosinone, Empoli, Verona, Sampdoria e Udinese?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*