SPECIALE FN: L’Amsterdam Arena un modello per Firenze e per tutti. FOTO: Lo spogliatoio utilizzato dalla Fiorentina e le meraviglie dell’impianto

AMSTERDAM – Ormai ci siamo quasi, Firenze sta per scoprire (lo farà nel corso di questo mese di gennaio) che tipo di stadio avrà per il futuro. Nel futuro però e ormai da anni verrebbe da dire, ci sono già l’Ajax e Amsterdam, che possono contare su uno stadio bellissimo, costruito nel 1996, ma talmente avanti per l’epoca, da risultare tremendamente all’avanguardia pure adesso. Un giro dello stadio ci permette di scoprire e ammirare diverse chicche.

Entri in campo e vedi questo, sedili comodi, tribune a ridosso del campo e visuale perfetta da ogni zona. E poi la copertura che appare e scompare a comando, a seconda della situazione. Per esempio è perfetta per ogni concerto, perché crea un’acustica degna del miglior teatro. E poi vi sono Sky box, zone confortevoli, un palco dedicato alla famiglia reale olandese e una tribuna stampa degna di questo nome. La capienza è di 52 mila spettatori circa  (che diventeranno 55 mila al termine di alcuni lavori che sono in atto) in versione stadio di calcio e oltre 60 mila persone quando si passa in modalità concerto, sfruttando anche il terreno di gioco, mantenuto sempre in perfetto stato grazie all’utilizzo di grandi lampade come quelle che vedete nell’immagine. Piccola chicca: a ridosso del campo, ma dentro lo stadio c’è una sala riscaldamento con erba artificiale, dove possono andare i giocatori a scaldarsi appunto, prima di entrare a sostituire un compagno.

LO SPOGLIATOIO UTILIZZATO DALLA FIORENTINA – La Fiorentina ha giocato una volta all’Amsterdam Arena, ovvero il 26 febbraio 2009, pareggiando quella partita e venendo eliminata dall’Europa League in virtù della sconfitta per 1-0 patita a Firenze la settimana precedente. Nella foto potete vedere lo spogliatoio utilizzato dai viola e riservato alle squadre che vengono ad affrontare l’Ajax. Colori molto neutrali scelti per questa vera e propria sala molto grande.

LO SPOGLIATOIO DELL’AJAX – La zona riservata ai giocatori dell’Ajax è davvero bellissima. Seggiolini rossi, il nome scritto sull’armadietto, cassaforte privata dove mettere gli oggetti di valore per tutti…e un grandissimo televisore in fondo alla stanza che serve sia per le riunioni tecniche con la squadra che per spiegare qualcosa ai giocatori anche prima della partita.

THE BIG FIVE WALL – Quello che vedete non è un ritaglio di un giornale, ma una vera e propria opera d’arte denominata The Big Five Wall, ovvero un muro, all’interno della sala principale dello stadio, dove vengono ripercorse le gesta dell’anno 1972 in cui l’Ajax, prima squadra al mondo a farlo, vinse tutto: scudetto e coppa olandese, Coppa Campioni, Supercoppa Europea e Coppa Intercontinentale. Inutile dirlo che quella era l’Ajax di un certo Johan Cruijff, ovvero uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi e simbolo dei ‘Lancieri’ nel mondo.

LA SALA TROFEI – Non può ovviamente mancare una sala dei trofei all’interno dell’Amsterdam Arena dove è possibile ammirare innanzitutto le quattro Coppe dei Campioni vinte dall’Ajax, assieme alla Coppa Intercontinentale, la Coppa Uefa, la Supercoppa Europea (e perfino la Coppa Intertoto). Senza contare i grandi personaggi che hanno vestito questa prestigiosa maglia.

IL MAXISTORE – Ogni tour che si rispetti (tra l’altro costano 16 euro per gli adulti e durano un’ora) non può che terminare nel maxistore dell’Ajax dove è possibile trovare tutti i prodotti ufficiali del club. Il merchandising riveste una parte importante del bilancio del club. Solo i tour all’interno dello stadio fruttano alla società quasi un milione di euro l’anno, ovvero lo stipendio di un calciatore discreto in Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

18 commenti

  1. e anche quest’anno lo Spalatore di Gubbio ha vinto il premio “Lecchino a pecoroni” per distacco. Tutti ti conoscono. A scuola eri quello che non passava mai il compito, nel primo banco, e che annuiva sorridendo ad ogni parola del professore stronzo. Complimenti ! sono sicuro che anche il prossimo anno il trofeo sarà tuo. A meno che (e non ci voglio pensare che sennò mi emoziono) i ciabattini mollino. Alé

  2. Ma c’è anche qualcuno che abbia letto le parole della redazione,e quindi la smette poi di scassare i maroni??? ” Quanti ettari? Tanti,perché intorno è pieno di centri commerciali,alberghi etc…,anche se non tutti riconducibili all’AiaX”. Capperi,che sorpresona. Anche in altre città europee si specula sul calcio,accostandogli strutture commerciali adiacenti per attirare clienti,turisti e quindi anche persone non direttamente interessata al calcio. Azz,e io che avevo letto dai soliti noti bubatori,che questo lo facessero solo quei cattivoni dei DV,mentre tutti gli altri imprenditori fossero dei benefattori che amavano mettere soldi a perdere nelle squadre di calcio,per far felici i tifosi. Che delusione.

  3. levategli il fumo a questo!!!.
    La realtà ns. è tutt un’altra.

  4. …più che altro mi ricordo le commesse nello shop dell’ajax… che passere ! con il dovuto rispetto, ovviamente.

  5. cippolippo conosci il progetto?Ma che scoop!!Faranno uno stadio misero?Ma stai zitto baccello,perche’ non lo fai te?

  6. In primis gli Olandesi sono seria storicamente abituata al ” far bene” onestamente !
    In secundis hanno una burocrazia molto più snella capace in pochi mesi tra progettazione ed esecuzione di tirare su opere pubbliche.
    In ultimo, non hanno la politica “mazzettara” che chiede dazio sotto varie forme al “povero imprenditore” visto come gallina dalle uova d’oro, scommetto che i DV hanno giá la lista “colorata” della gente da assumere nel nel futuro stadio o cittadella che sia !

  7. Ditemi voi che casino se il comune avesse regalato i terreni come hanno fatto a Torino con la giuve!!! Apriti cielo chissà quanto fiele avrebbero vomitato questi mononeuroni ( no leccavalle,questo mai) tipo supercannabilover e altri nick pomposi per darsi un tono!! Sciagura della Fiorentina siete e poi , forse, tifosi

  8. Scusami spalatore……..ma sei veramente un leccac..o !!! finiscila un po di dignitá per cortesia !

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*