Questo sito contribuisce alla audience di

SPECIALE STADIO – Come tutto si è magicamente incartato. Tre soluzioni per sbloccare l’impasse. E c’è chi guarda al vecchio Franchi

Firenze avrà il suo nuovo stadio? E’ questa una domanda che si tramanda ormai da generazioni, ma che si ripete sempre più spesso da quando Diego Della Valle, per la prima volta, ha fatto trapelare l’intenzione di volerne costruire uno e parliamo con esattezza del settembre 2008. Da quelle parole, dette all’interno dell’hotel Four Seasons, ad oggi la montagna ha partorito una specie di topolino che ha avuto il suo culmine nella presentazione del progetto di ristrutturazione dell’area Mercafir andata in scena nel marzo scorso a Palazzo Vecchio.

Diciamo topolino perché l’idea di dare l’intera area dove sorge la Mercafir attuale ai Della Valle e alla Fiorentina presenta un vizio di forma: dove possono essere trasferiti i grossisti dell’ortofrutta che verrebbero ‘sfrattati’? L’idea originaria dell’Osmannoro è già stata accantonata. Poi l’Unipol, proprietaria dei terreni di Castello, altra soluzione pensata dall’amministrazione cittadina, non vuole la nuova Mercafir in quell’area ed ha presentato (e presenterà ancora nel caso fosse necessario) ricorsi su ricorsi contro questa decisione. Insomma, tutto quello che è stato escogitato finora ha fatto sì che la situazione si sia magicamente incartata.

NUOVE SOLUZIONI – Occorre andare oltre e ripensare un po’ il tutto se davvero si vuol arrivare ad una conclusione positiva della vicenda in tempi che non siano elefantiaci. Un primo passo in avanti potrebbe essere quello di ridurre la superficie affidata alla Fiorentina nell’attuale Mercafir. Meno Cittadella e spazio per i grossisti ortofrutticoli che rimarrebbero laddove sono già attualmente, ovviamente con locali nuovi e più funzionali. Una seconda soluzione potrebbe essere quella di fare la Cittadella e lo stadio invece in area Castello, così come pensato a suo tempo dall’ex sindaco di Firenze Domenici. In questo caso l’Unipol non avrebbe ragione di opporsi, perché parliamo comunque di un’opera che qualifica una zona e non la deprezza, ma l’iter dovrebbe ripartire in pratica da zero.

IL CARO VECCHIO FRANCHI – Esiste, o è meglio dire esisterebbe, anche una terza via che porta al caro, vecchio, Franchi. Ci sono infatti alcuni esponenti politici che sottolineano, giustamente, come rifare lo stadio dove gioca ora la Fiorentina sia la soluzione più rapida e anche meno costosa. Certo, ci sarebbe da trattare con la sovrintendenza per capire quello che può essere toccato e quello che invece non può essere abbattuto dell’opera progettata dall’architetto Nervi ormai quasi cento anni fa, però è anche vero che una strada maestra è già stata tracciata nel corso degli anni, perché più volte si è parlato di questa soluzione. In questo caso però, c’è da dirlo con tutta onestà, a storcere la bocca sarebbe proprio la famiglia Della Valle che ha sempre sottolineato come lo stadio nuovo, da sé, non basta e c’è bisogno di tutta una serie di opere accessorie per rendere redditizio l’intero investimento e per avere più risorse a disposizione della squadra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

34 commenti

  1. Facile fare certi discorso per chi sta a Firenze.. io ieri per venire allo stadio sono partito alle 6 e tornato alle 23 prendendo un traghetto all’ andata e al ritorno.. ok lofaccio spesso e volentieri ma non posso sempre quindi per noi la partita in tv è essenziale ma voi ritenete i soli tifosi quelli di Firenze ma non è cosi

  2. 10ragazzepermepossonbastare

    MA a Udine o cagliari non hanno rifatto lo stadio dove c’era gia? Allora e’ possibile, perche pensare di rifare un nuovo stadio altrove e’ un idea impossibile, troppi intoppi, non accadra ‘ mai. ..il mercato ortifrutticolo, peretola, non si sente parlare d’altro. .

  3. Perfavore non ventilate l’ipotesi di rifare quel catorcio del Franchi spendendoci o meglio buttandoci sopra un altra vagonata di soldi come per i mondiali del 90,dagli errori si deve imparare per non ripeterli.

  4. Per quell’ affummicato di nerone 50…una volta hai detto io non mi sento fiorentino per lavoro vivo da 20 anni in un altra città…bla..bla…bla..ora mi domando se di firenze e di fiorentina te ne frega il giusto…perche continui a scrivere su un sito che si occupa di firenze e della fiorentina…e una richiesta..io non sopporto la gente come te…ma non voglio scadere in atteggiamenti che non mi appartengono…quindi ti chiedo senza polemica di ignorarmi…IO FARÒ LO STESSO.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*