Spunta l’idea Alisson per la porta della Fiorentina

 

Luciano Spalletti non vuole rinunciare a Wojciech Szczęsny ed ha chiesto alla società di fare tutto il possibile per confermarlo in giallorosso anche la prossima stagione. Se la trattativa dovesse andare in porto, potrebbe cambiare la situazione di Alisson che solo pochi mesi fa ha scelto la Roma rispetto alla Juventus perché sicuro di giocar con più continuità. Diventato da poco titolare del Brasile, l’ex Internacional non vuole rischiare di perdere posizioni e per questo potrebbe essere girato in prestito. Secondo quanto raccolto da Calciomercato.it la Fiorentina è un’opzione, ma on esiste tuttavia una vera e propria trattativa in questo senso, ma semplicemente un’idea di mercato ancora da approfondire, che potrebbe assumere maggior consistenza nel corso delle negoziazioni per Adem Ljajic. Un’ipotesi che, sicuramente, sembra più percorribile rispetto al passato, visti i rapporti non proprio idilliaci tra l’ex ds viola Daniele Pradé e l’entourage del 23enne (lo stesso di Neto, che l’anno scorso si accasò a parametro zero alla Juve e a gennaio fu cercato dal Bologna di Pantaleo Corvino, erede di Pradé).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. A mio modesto avviso questa è una grandissima put….ta. Impossibile perché questo è l’ultimo dei problemi che abbiamo e poi così non lo risolveremo con certezze, ma solo per fare un favore a chi ? Non ce ne può fregare di più .

  2. Ma che siamo diventati la squadra che valorizza i giocatori degli altri non c’è che dire grande progetto.
    Se dovessi prendere sarebbero tre i giovani portieri che prenderei uno dei tre Scuffet Memet Zaccagno .

  3. In linea di massima si può essere d’accordo con te, ma bisogna fare 2 considerazioni importanti, questo portiere la Viola lo ha seguito già da un po di tempo ma i brasiliani hanno sparato alto e la Società (strano però ) si è defilata. Ma il valore c’è sennò non sarebbe davanti a Neto nelle gerarchie della sua Nazionale (su Neto ne abbiamo dette di ogni perché se è andato via). Su Lazzerini non mi esprimo, con la Lazio ha fatto bene, ma forse non è sufficiente una partita di fine campionato e il secondo tempo col Frosinone per dire che eè pronto per la Serie A. Gollini non mi sembra un buon portiere punto, è al livello di Bardi, Leali che sembravano fenomeni perché erano proprietà Juve e Inter. Con questo curriculum vanno in buone squadre ma poi si vede se sei scarso e loro lo sono parecchio.

  4. Basta sempre con questi straniri Se Gollini o Lazzerini fossero stati stranieri sarebbero considerati due fenomeni pultroppo sono italiani

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*