Sarri pensa a riconfermare la solita formazione vista contro il Torino e riabbraccia un perno fondamentale della squadra

Allenamento pomeridiano per gli azzurri che, dopo aver strappato il biglietto per la prossima serie A, devono adesso provare a fare l’ultimo regalo di questa stagione magica: vincere il derby. Ovviamente non sarà facile, di fronte una squadra, la Fiorentina, dagli ottimi valori tecnici che, crediamo, sarà molto arrabbiata dopo la cocente sconfitta in Europa League. Di fatto, quello odierno, va considerato il primo vero allenamento in preparazione alla sfida di domenica, ieri infatti coloro che avevano giocato il match di Torino si sono limitata ad un defaticante. Allenamento tattico, molto tirato, con la squadra “sul pezzo” come se davvero la salvezza già acquisita non fosse il risultato primario. Grande lavoro sui movimenti senza palla e molte anche le prove di quel 4-3-2-1 che piano piano sempre più spazio riesce a trovare. Mister Sarri può sorridere anche perché di fatto ha tutti gli effetti a disposizione. Vero, manca all’appello Mario Rui, appiedato dal giudice sportivo, ed anche Brillante, Guarente e Pugliesi sono ai box. L’assenza del portoghese darà nuovo spazio a Laurini, sulla destra, con Hysaj che tornerà a giocare sulla sinistra. Dopo lo stop di Torino tornerà Tonelli che andrà, ovviamente, a riprendere il suo posto accanto a Rugani. Squadra che vince e che fa bene non si cambia e quindi dubbi di formazione proprio non ce ne sono. Abbiamo parlato del modulo ad “albero di natale” ma in partenza la squadra si disporrà con il più classico 4-3-1-2. Sta bene Verdi che non partirà dall’inizio ma stavolta sarà certamente fra i convocati: il problema al nervo sciatico sembra essere passato. La squadra tornerà in campo domani, nel pomeriggio, per sostenere la seduta di rifinitura che sarà seguita dalla conferenza stampa di mister Sarri. A riportarlo è pianetaempoli.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA