Stacco mentale

Sousa Udinese

Queste feste devono servire ai giocatori della Fiorentina per recuperare. Non stiamo però parlando di forze fisiche come credono molti. E’ un’idea questa rigettata in primis proprio da Paulo Sousa che ha sempre parlato di una squadra che abbia bisogno invece di recuperare dal punto di vista mentale. La spiegazione è logica: per vincere le partite e sentirsi sempre all’altezza delle migliori, se non addirittura più forte, la Fiorentina ha bisogno di tante energie mentali. Sousa il grosso del lavoro lo ha fatto tanto su questo aspetto, è stato un abilissimo psicologo che ha spinto una macchina ad andare sempre a tavoletta, al massimo delle proprie potenzialità. Alla lunga qualcuno si è bloccato e abbiamo assistito a prestazioni non esaltanti come la fase finale del match con la Juve e soprattutto l’esibizione in Coppa Italia contro il Carpi. La sosta arriva al momento giusto: alla ripresa ci aspettiamo nuovamente una squadra carica, mentalmente, a pallettoni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Ma che dici bruscio64…a parte la partita con l’empoli (pareggio) e la partita persa con la roma si e’ vinto e basta in casa…ma che racconti…

  2. Mi sembra di capire che le forze fisiche non sono mai state un problema.
    Speriamo allora di non crollare a marzo come le ultime 2 stagioni.

  3. Abbiamo il rendimento casalingo migliore del campionato (22 punti su 27)
    Vedi te bruscio 64

  4. Storicamente la ripresa del campionato post-festività natalizie non ci è mai stata molto propizia… Vediamo se Sousa riuscirà a smentire anche questo… e poi anche gli scontri diretti in casa non so proprio se saranno un vantaggio, visto il rendimento casalingo di quest’anno…
    Buon anno e forza viola!!!

  5. Ripartiamo con grinta.

  6. Peccato che poi ci siano tifosi come lei stesso che nei confronti di un giocatore come Rossi , che e’ il piu’ intelligente di tutti avendo capito di trovarsi in una posizione che potrebbe danneggiare soprattutto psicologigamente il gruppo e vorrebbe cambiare aria, vorrebbero invece che se ne stia li a tenere il broncio e a rovinare tutto il lavoro psicologico dell’allenatore e che proprio lei voglia rovinare soprattutto psicologicamente il processo di recupero del giocatore stesso

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*