Stovini: “Tutte le storie estive della Fiorentina sono al limite del credibile, i tifosi stanchi delle chiacchiere…”

Ospite a Lady Radio l’ex difensore, e tifoso viola, Lorenzo Stovini commenta il clima di indecisione tra soddisfatti e insoddisfatti che vige nell’ambiente viola: “Il livello del campionato mi sembra leggermente inferiore rispetto agli anni scorsi, la Fiorentina se fa bene può sfruttare questo elemento. Tutti gli anni però diciamo così e alla fine si chiude con un nulla di fatto. L’insoddisfazione dei tifosi? Dopo tanti anni di chiacchiere che poi non hanno portato a risultati, la gente forse si è anche stancata. Si parla sempre delle stesse cose, quello che è successo in precampionato ha influito tantissimo, a raccontarle a chi non le ha vissute sono difficili da credere tutte le vicende estive. Ci può stare che molti si siano un po’ stufati. I tifosi vorrebbero sempre andare avanti ma se quelli sono gli obiettivi c’è poco da fare, l’importante è che ci sia chiarezza, non ci sarebbero in tal caso questi segnali di insofferenza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 commenti

  1. intendevo dire “Meno pecoroni”, ovviamente

  2. insomma, per chiarire: esistono tifosi della viola che vanno allo stadio, soffrono per la squadra, gioiscono per le vittorie ma CHE NON AMANO I DELLA VALLE. E non sono certo meno tifosi di voi. Forse magari sono pecoroni. Mettetevi il cuore in pace

  3. e non mi pare che Lotito si sia affrettato a vendere al primo offerente Felipe Anderson dopo il boom dello scorso campionato.
    Per gli altri: siete reduci della vecchia URSS o del Minculpop ? appena qualcuno fa una critica, è un gobbo o, se è un addetto ai lavori, è uno che cercava un posto in Fiorentina. Siete un po’ paranoici, sapete ?

  4. Axel e che ci vuoi fare c’è gente che non possiede ambizioni e gli rode che altri invece ne abbiano e allora per mascherare la loro pochezza dicono di andare a tifare per altre squadra .

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*