Subito al lavoro, le partite per riscattarsi non mancano

La Fiorentina è tornata in campo dopo la pausa per le Nazionali in cerca di riscatto dopo la sconfitta nella trasferta di Torino, ma contro l’Atalanta i viola hanno pareggiato a reti inviolate al Franchi meritandosi i fischi dei tifosi. Fortunatamente, però, i ragazzi di Paulo Sousa potranno riscattarsi fin da subito dato che nelle prossime settimane la Fiorentina scenderà in campo una volta ogni tre giorni. Si comincia giovedì contro lo Slovan Liberec in Europa League, palcoscenico ideale per far giocare chi fino ad ora ha avuto poco spazio: domenica i gigliati scenderanno in campo a Cagliari, mercoledì ospiteranno il Crotone al Franchi mentre sabato 29 saranno di scena a Bologna. Tutte partite alla portata della Fiorentina, ma l’atteggiamento dovrà essere per forza di cosa diverso da quello delle ultime esibizioni, altrimenti i risultati saranno i medesimi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Al momento attuale non siamo superiori a Vagliari e Bologna, soprattutto in trasferta. Se va bene vinciamo con Liberec e Crotone, ma le altre due potrebbero essere sconfitte.

  2. Serve grinta e concentrazione. Serve correre ed essere aggressivi. Bisogna ripartire.

  3. Sicuramente sono anni;già con la gestione montella,che soffriamo le squadre aggressive e di gamba,che sanno chiudere gli spazi dietro e lanciarsi a razzo con le ripartenze.
    Mi pare ma potrei sbagliarmi che questo Sousa l’abbia capito (e perdendo pure Roncaglia,l’unico difensore veloce che aveva) abbia optato per una squadra che si sbilanci meno in avanti.Se vi ricordate lo scorso anno si giocava con una costante incredibile DENTRO l’area avversaria(e si vedevano fioccare i rigori),quest’anno manco la vediamo l’area avversaria.
    Quindi sono tempi duri con le squadre sopra menzionate.

  4. Lasciamo perdere il discorso di ‘partite alla portata’ che è meglio. Anche quella contro l’Atalanta doveva essere alla portata…
    Ci mancano due punti contro il Milan, due contro l’Udinese e i due di ieri, se fosse la vera Fiorentina. Saremmo quarti a quindici punti. Invece ce la dobbiamo giocare partita dopo partita, sperando di non affossare sempre di più, soprattutto contro squadre agguerrite come Cagliari, Bologna ecc. Altro che ‘alla portata’…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*