Suma: “Per Bernardeschi la fine di Coman. E poi la Fiorentina ha già provato i maxi profitti dalle cessioni di Cuadrado e Jovetic”

Suma

Nell’editoriale per Tuttomercatoweb.com, il direttore di Milan Channel Mauro Suma parla del talentino viola: “Federico Bernardeschi è il classico giocatore del calcio moderno. Giovane, tecnico, dinamico. Cambia passo e cambia il fronte di gioco con grande facilità. E’ fatto apposta per il calcio playstation che sta prendendo piede soprattutto a livello internazionale. E’ viola dentro, gigliato vero, toscano nell’anima. Vorrebbe restare a Firenze per tutta la carriera, ma non solo lui stesso sa che non sarà possibile: il fatto è che i tempi potrebbero precipitare. Come è accaduto a Coman, fronte Juventus, tutto può diventare dannatamente veloce. Gli estimatori in Germania e in Inghilterra non mancano per Federico e la Fiorentina ha già provato l’effetto benefico sui conti indotto dalle cessioni di Cuadrado e Jovetic. E’ il calcio di oggi, bellezza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Graziano Giusti

    E’ il calcio di oggi, bruttezza…Se vai via anche lui è inutile chiedere di potenziare qui e là, vuol dire che proprio siamo di seconda categoria (o terza). E non mi si venga a dire che IN FONDO la Viola c’ ha guadagnato qualcosa con le cessioni di Jovetic e Cuadrado. I DV sì, ma la Viola no…

  2. Ha ragione il folle che invito a leggere il mio scritto:dal MIlan il giocatore buono non deve andare via,dalla Fiorentina si.Cosi loro saranno sempre più forti e noi sempre piu’ deboli e l’anno in cui fai qualcosa di buono,rimane solo un caso perche’ ti fregano((quelli con i soldi)subito i migliori e tu ricominci da capo l’anno successivo e cosi per sempre.

  3. Non capisco perche’ se un giocatore e’ buono te lo fregano subito,se non e’ buono te lo tieni tu.E’ proprio un mondo del xxxxxx,quello che ci viene propinato ogni giorno.Mi chiedo e vi chiedo:ma perche’ vogliamo sederci ad una mensa dove il nostro pasto consiste nelle briciole e in quello che gli altri non vogliono?aveva ragione De Laurentis qualche giorno fa,in Italia si parla sempre delle stesse tre squadre,devono solo stabilire quale delle tre deve vincere lo scudetto,la presenza delle altre 17 e’ invece necessaria,altrimenti i tre punti con chi li fanno?Solo che De Laurentis se ne e’ accorto adesso,io me ne sono accorto 60 anni fa.Il difficile e’ accettare una classifica che ci vede regolarmente arrivare dietro partendo tutti da zero.Che non mi citino il bacino d’utenza,perche’ vado ancora di piu’ in bestia:il bacino d’utenza te lo fai solo se vinci,ma se non vinci(perche’ non ti fanno vincere)non avremo mai un bacino d’utenza all’altezza.L’anno scorso le due milanesi sono arrivate all’ottavo ad al decimo posto,eppure su top calcio 24 e non solo,parlavano solo di loro.Si e’ creato ,quindi,un circolo virtuoso per quelle tre e vizioso per le altre 17:io personalmente non ho piu’ speranze per lo scudetto,continueremo a partecipare tanto per partecipare.Mi fermo qui,ma si potrebbe scrivere un libro sulle ingiustizie “legalizzate” del nostro calcetto provinciale.

  4. Per fare certe cose bisogna essere in tre, la società che lo vuole lui se ci vuole andare e la società proprietaria del cartellino se lo vuole vendere

  5. Che tristezza i giovani di oggi , sono come le escort vanno dove prendano piu soldi, non hanno valori morali, ne sentimenti perche un ragazzo che prende un mln l’anno penso che debba essere felice considerando che fa un gioco come professione e uno che lavora in un posto normale guadagna 1500 euro al mese come deve sentirsi.? Se uno bravo come lui vuole correre dietro ai soldi vada pure perdiamo un buon giocatore ma niente piu..

  6. Redazione, ma per quale motivo continuate a pubblicare interviste di quest’ebete?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*