Tello ed un futuro sempre più viola

Tello al Franchi. Foto: LF/Fiorentinanews.com

Sono stati cinque gli acquisti della Fiorentina nel mercato di gennaio: Tello, Zarate, Tino Costa, Kone e Benalouane. Gli ultimi due sono desaparecidos, anche se per motivi diversi, mentre Tino Costa è stato impiegato diverse volte da Paulo Sousa ma con risultati negativi. Tello e Zarate, invece, sono stati le uniche due note positive del mercato invernale viola: l’ex Porto si è integrato fin da subito negli schemi del tecnico portoghese ed è stato impiegato quasi sempre. Il suo score attuale parla di un gol e quattro assist, la sua partita migliore è stata senza dubbio quella con l’Atalanta, nella quale ha segnato la sua unica rete con la maglia fiorentina e servito l’assist a Mati Fernandez. Anche contro il Napoli il canterano ha impressionato gli addetti ai lavori, umiliando per un tempo Ghoulam e Koulibaly, saltati tutte le volte che venivano puntati. Il suo riscatto è fissato a 8 milioni di euro (con il controriscatto del Barcellona a sedici): se Sousa dovesse rimanere, come sembra, al timone della barca viola, il riscatto di Tello sarebbe la prima pietra da apporre per iniziare la nuova stagione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Le ali che giocavano dal centrocampo in su andavano bene al tempo di Hamrin, oggi sono di peso alla squadra. Joaquin, per giocare con continuità, ha dovuto imparare a 34 anni a rincorrere l’uomo fino nella sua area ed ha dovuto imparare a difendere ed a collaborare col centrocampo. Tello sa fare a sprazzi l’ala pura ma non ha nè idea nè voglia ( a quanto pare) per ricoprire i due ruoli. Dopo due volte che prova a rincorre il suo uomo sembra un cadavere e scompare dal gioco a decine di minuti. Un giocatore così vale 8 milioni ?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*