Questo sito contribuisce alla audience di

Tello, Ljajic e una doppietta che cambiò tutto

Fu la prima stagione di Montella quella che cambiò la carriera di Adem Ljajic (apparentemente destinata ad esplodere anche più di quanto fatto poi in seguito): il serbo però non la approcciò granché bene, con un gol appena nel girone d’andata e tanti dubbi ereditati dall’anno precedente, quello della scazzottata con Delio Rossi e della quasi cessione a furor di popolo. Fu una partita in particolare a cambiare tutto, quella di metà febbraio contro l’Inter: la Fiorentina era obbligata a vincere per continuare a inseguire quantomeno l’Europa League e Ljajic si scatenò, insieme a Jovetic. Una doppietta per uno e nerazzurri travolti per 4-1: da lì iniziò la grande volata dei ragazzi di Montella, a cui fu usurpata la Champions all’ultima giornata, ma soprattutto quella di Ljajic, che nel girone di ritorno di reti ne segnò addirittura dieci. Due gol al momento giusto per dare una svolta alla stagione: la stessa che ci auguriamo possa avere Cristian Tello; anche per lui una doppietta decisiva ed il momento della stagione è lo stesso, con un girone di ritorno quasi intero ancora da giocare. Le risposte le avremo a breve ma certamente il precedente a cui abbiamo fatto riferimento autorizza ad avere ancora un po’ di fiducia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Tello impari da Mandzukic che ha, tra l’altro, 5 anno più di lui. Il croato fa l’ala, il difensore, il centrocampista e l’attaccante, corre come un matto sempre, si danna l’anima su ogni pallone. E Mandzukic era partito centravanti della Croazia. Impari sia Tello sia quelli che dicono che non può tornare a coprire, che perde lucidità in fase offensiva. Impari, Tello, da questi grandi giocatori, da Ribery, oltre che da Mandzukic, se vuole cercare di fare breccia nel cuore viola. Non bastano due goal per essere considerati indispensabili, si deve dare il sangue in campo per onorare la maglia, si vuole vedere la volontà del giocatore, l’impegno, la carica agonistica, allora canteremo per lui. Ad oggi resta: Tello, tello te !

  2. Stiamo insinuando dubbi sulla regolarità del nostro campionato? Usate il termine “usurpato”. Diciamo che pure io qualche dubbio su quella volata per terzo posto ce li ho.. non penso sia un caso che Bergonzi faccia il moviolista a premium..

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*