Questo sito contribuisce alla audience di

Terim: “Firenze vince ogni giorno nel mondo per la sua bellezza e deve farlo anche nel calcio. Ho sempre con me il simbolo del Collettivo”

Fatih Terim a Firenze non c’è stato molto. Quel tanto che basta per innamorarsi della città ed essere adottato dalla tifoseria della Fiorentina: “Sono stato a Firenze solo dieci mesi – ricorda Terim, intervistato da La Gazzetta dello Sport – eppure i tifosi viola ancora mi adorano perché ero diventato più fiorentino dei fiorentini. Volevo vincere perché questa città deve vincere. Vince ogni giorno nel mondo per la sua bellezza. Deve vincere anche nel calcio. Conservo ancora il simbolo dei tifosi del Collettivo, un guerriero apache”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Terim ha ragione. Dobbiamo puntare a vincere.

  2. La più bella Fiorentina vista da me è stata la sua. Scoppiarono dopo il girone di andata, ma che bellezza vederla giocare… Pierini sembrava Beckembauer, Bressan pareva Robben….

  3. E se si riprendesse in panchina? Può benissimo allenare sia noi che la nazionale

  4. Parole sante. Prezioso rimedio contro ogni microcefalia.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*