Questo sito contribuisce alla audience di

Tomovic: “A Firenze c’era molta aria negativa intorno a me, si aspettavano troppo”

Nenad Tomovic si è presentato a Verona come nuovo giocatore del Chievo (arriva in prestito con diritto di riscatto dalla Fiorentina) e proprio sull’ultimo periodo in maglia viola ha detto: “C’era un clima negativo intorno a me anche perché i tifosi si aspettavano tanto e l’ambiente non era molto sereno. Il Chievo è una grande opportunità per dimostrare quanto valgo. Sono venuto qua per rimettermi in gioco”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

19 commenti

  1. Chi non sopporta le giuste aspettative richieste a chi gioca in viola, non può giocare da noi.

  2. lameziatermenews

    bidonazzo che non ha eguali

  3. Forza Nenad!!! dimostra di essere un gran giocatore!!!

  4. Quando uno non conosce la diagonale..quando perde sempre il contatto visivo con avversario..quando sbaglia o rallenta i tempi di chiusura non può giocare in nessuna squadra di serie A e neanche in serie B..POI È UN PROFESSIONISTA SERIO MA È UN ALTRO DISCORSO..FV

  5. In serie A ci può stare tranquillamente ,ne ho visti di peggio .Tra l’altro avesse giocato nel suo ruolo magari avrebbe reso di più . Lato umano da incorniciare .

  6. Inutile fare commenti si vedra’ come si comporta giocando nel suo ruolo senza pressione nel chievo……..come persona niente da dire…….

  7. Bravo ragazzo quanto scarso giocatore….

  8. Ragazzi … tomovic è sempre stato una gran brava persona xò … lui fa il difensore e:
    – COME TERZINO NON PUò GIOCARE, NON SA SPINGERE E IL RIENTRO IN DIFESA E’ TRAUMATICO
    – IN UNA DIFESA A 3 SI FA SALTARE DA CHIUNQUE, SIA NEL GIOCO AEREO CHE PALLA A TERRA
    – COME CENTRALE IN UNA DIFESA A 4 POTEVA FORSE ESSERE IL SUO RUOLO, MA NON HA LA DIFESA CHE DEVE AVERE UN CENTRALE PURO.
    Quindi … gioco forza a medi livelli non può giocare, deve scendere a squadre dal 12 al 20 posto.

  9. Senza la pressione di Firenze e giocando nel suo ruolo naturale dimostrerà nel Chievo che comunque è un giocatore di A nella media e non un disastro completo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*