Toni bassi e niente dossier: Così la Fiorentina risponde ai torti arbitrali

Pasqual Proteste

Due partite consecutive in Serie A (e l’intermezzo poco felice anche in Europa League), la Fiorentina sta vivendo un momento davvero difficile almeno per quanto riguarda gli arbitraggi. E mentre Sarri piange praticamente dalla prima giornata e Mancini non perde occasione per mettere l’accento sull’ingiusta (a suo dire) espulsione di Nagatomo nel match contro il Napoli, la società viola decide di seguire tutt’altra strada. Toni bassi e niente dossier, si va avanti in pratica come se niente fosse successo fin qui, come se con l’Empoli non ci sia stato un gol assegnato agli azzurri con un fuorigioco di oltre un metro, oppure con il Sassuolo non ci fossero stati due rigori solari, impossibili da non vedere.

Una linea però che non stupisce più di tanto, perché già lunedì scorso, l’amministratore delegato Andrea Rogg, presente a Reggio Emilia, aveva deciso di non calcare la mano sull’argomento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 commenti

  1. Violaadimilano

    cosa c’entra lo stile? Sarri toscano si è ambientato benissimo a Napule e fa il piagnone, Mancini fa benissimo a protestare ed azzarda esempi sessisti da camionista in pausa pranzo.
    Quindi non siamo nella boutique Tod’s di Forte dei Marmi o in quella di Montecarlo a comprarci una pochette 20×20 a 3500 € dove si esige di essere trattati con stile, ma in un ambiente dove chi tace molte volte acconsente e quindi essendocelo preso in quel posto, forse ora credono che ci piaccia anche

  2. una cosa è evidente, stanno cominciando a danneggiare la fiorentina con chiari torti arbitrali perché siamo saliti troppo in alto nella classifica e quindi diamo fastidio a qualcuno, altra cosa chiara è che come società contiamo in c….

  3. lucabilly1963, da Atene, Grecia

    Toto` direbbe: ‘indi per cui’ lo stile dei nostri DV e` ammirevole e lo condivido personalmente, ma il gioco e` il calcio quindi si vocia come i nostri antenati vociavano nei circhi o nelle arene. Quando ti siedi al tavolo con Lotito, De Laurentis, Zamparini, Galliani, lo stile e` un accessorio con cui non si aprono nemmeno i tappi delle bottiglie. Attaccare a testa bassa!

  4. lucabilly1963, da Atene, Grecia

    Lo stile ha un senso in un mondo che percepisce lo stile come un modo di vivere e di comportarsi. L’Italia e` un paese che insegna stile continuamente, ma che ha una zavorra di milioni di abitanti che non hanno mai avuto accesso a questa virtu’. Il calcio, sport altamente competitivo segnatamente per i volumi di denaro che ci circolano, dello stile se ne sbatte le palle da decenni, quando con lo stile juventus volevano nascondere ruberie di ogni tipo e vezzo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*