Questo sito contribuisce alla audience di

Tra fiducia ripagata e scuse ampiamente dovute

NetoGrasshopperDa discusso fino alle prime gare della stagione a salvatore della patria, con tanto di coro che lo ha profondamente emozionato. E’ soprattutto grazie a Neto che la Fiorentina ha la possibilità di disputare la sua prima finale dell’era Della Valle, blindando la sua porta nella semifinale di ritorno con l’Udinese mentre Pasqual e Cuadrado hanno segnato due bellissime reti che hanno ribaltato il 2-1 del Friuli staccando il lasciapassare per l’Olimpico in attesa di conoscere se la squadra di Montella dovrà incrociare Roma o Napoli. Se il colombiano non ci sarà perché squalificato dopo l’ammonizione rimediata in stato di diffida, ma il brasiliano si, ed avrà il compito di blindare la sua porta dopo averla schermata per un lunghissimo periodo in campionato sfiorando addirittura un record gigliato assoluto. Non male per chi, fino all’inizio campionato, era stato additato da una fetta di tifosi e da tanti addetti ai lavori come ‘inadatto’ o ‘poco consono’ a difendere i pali di una squadra importante e ambiziosa come la Fiorentina. Davvero una bella rivincita contro gli scettici, un grazie a chi lo ha portato in tempi non sospetti a Firenze e a chi gli ha dato grande ed incondizionata fiducia, dal tecnico alla società.

Foto: Paolucci/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA