Troppi attaccanti nel ‘pollaio’: chi saluterà?

Babacar Visite mediche

Quella che si apre domani sarà l’ultima settimana piena di calciomercato e verosimilmente dovrebbe essere molto calda, specialmente per gli attaccanti della Fiorentina. Corvino per ora è riuscito a cedere Gomez, il che rappresentava l’assoluta priorità dell’estate ma vorrebbe fare altrettanto almeno con Khouma Babacar, l’unico forse da cui poter monetizzare. Sono tanti però gli elementi a disposizione di Paulo Sousa: oltre a Kalinic ed Ilicic, in campo ieri dal 1’, ci sono anche Rossi e Zarate, con le soluzioni Tello e Toledo qualora si volesse schierare il tridente, oltre ai giovani Bernardeschi e Chiesa che comunque nascono come calciatori offensivi. E’ chiaro che con questo status di cose qualcuno dovrà salutare la truppa, oltre al senegalese anche Pepito, dopo la panchina iniziale di ieri, non è certissimo di rimanere a Firenze…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Anche sulla disamina tecnica mi trovo d’accordo con S69.
    Per quanto riguarda il mercato: la mia sensazione è che in uscita non ci saranno molti movimenti (magari attenderemo l’esito della prima parte di stagione e saremo piu operativi nella sessione di gennaio).
    Penso (ma è solo una sensazione mia) che anche Rossi verrà trattenuto in questi primi quattro mesi.
    L’unico che potrebbe lasciarci è Valero.
    Le indicazioni di ieri (Chiesa in quel ruolo con una partita positiva) e certe dichiarazione di Spalletti fanno capire che il discorso Valero-Roma sia ancora aperto.
    Con i soldi che intascheremo il 31 agosto sentiremo GniGni e Adv dichiarare “a gennaio li reinvestiremo sul mercato; non ci faremo trovare impreparati”.

  2. … vendano icche gli pare … tanto si va da poche parti ugualmente …

  3. Babacar e kalinic sono prime punte
    Rossi Zarate e ilicic seconde punte all occorenA anche trequartisti(inserendo anche Berna e chiesa oltre borja e mati che vengono utilizzati come trequartisti
    Tello Toledo hagi sono esterni oltre a zarate

    Prima cosa cedere mati

    A malincuore uno tra rossi Zarate e ilicic può salutare..io credo che alla fine rossi saluterà in prestito perché Zarate che avrei fatto giocare ieri può coprire due ruoli ilicic é imprescindibile q quesa squadra e non ha offerte altrimenti sarebbe già stato venduto

    Il problema é il modulo: Sousa vuole il 4-3-1-2
    Che si potrebbe attuare facilmente:
    Tomovic per Zappacosta e borja per paredes
    Se poi vogliamo la perfezione prendiamo sirigu a zero con ingaggio spalmato in prestito con diritto di riscatto anche che sta fuori dalle grazie rell allenatore e non giocherà mai:
    Sirigu
    Zappacosta-astori-gonzalo-Alonso
    Badeji-paredes-vecino
    Bernardeschi
    Kalinic-ilicic o rossi

  4. Saltare, nn fare

  5. Fermo restando che la logica dell’articolo è ineccepibile, mi pare di aver capito che Sousa, quest’anno voleva cambiare spesso modulo per nn essere prevedibile.
    Ieri s’è giocato con il 3-4-2-1, ma nn è escluso che nei match casalinghi, si potrebbe osare una mezza punta e due attaccanti veri. In quel caso tornerebbero in gioco sia Pepito che Baba e Zarate. Con il 4-3-3, invece, gli esterni Toledo, Berna, Tello e Chiesa, sono il minimo sindacale per giocare ogni tre giorni, da settembre a gennaio.
    Tutto stà a vedere quanto gente come Pepito e Zarate siano disposti a fare anche due o tre gare consecutive, senza fare polemica. Lo scorso anno a gennaio, fu proprio Rossi a chiedere la cessione per giocare.

  6. Rossi deve giocare, altrimenti via subito o avremo rogne fino a gennaio. Lo stesso vale per Zarate. Ilicic è dolorosamente insostituibile ma toglie il giusto ruolo alle tanto auspicate future plusvalenze (Bernardeschi e Hagi): bisognerà scegliere. Tello deve giocare per contratto, ma Toledo? Babacar è l’unico sacrificabile, ma non lo vuole nessuno, ed è comunque la sola riserva di Kalinic (il 17 enne croato andrà in primavera, sembra). Aiuterebbe chiedere all’allenatore, se non gli fosse stato chiesto di non mettere bocca sul mercato.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*